Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

VIDEO ONLINE

YouTube verso il lancio di canali pay-per-view

Imminente lo sbarco sulla piattaforma di programmi tv e film su abbonamento, al prezzo di 1,99 dollari al mese

06 Mag 2013

P.A.

YouTube (Google) sta preparando il lancio di canali televisivi e film a pagamento sulla sua piattaforma di video online. Lo scrive il Financial Times, precisando che la presentazione dei primi pacchetti su abbonamento a canali tematici potrebbe arrivare già in settimana. Secondo fonti citate dal quotidiano finanziario, sarebbero una cinquantina i canali in rampa di lancio. La formula a pagamento, allo studio da mesi, prevede un abbonamento a 1,99 dollari mensili per la fruizione dei nuovi programmi.

L’introduzione del content a pagamento aprirà una seconda fonte di ricavi per YouTube, che per ora punta esclusivamente sull’advertising. Un settore, quello del video adverstising, che secondo stime di eMarketer raggiungerà nel 2013 un giro d’affari complessivo di 4,14 miliardi di dollari, a fronte dei 2,93 miliardi di dollari del 2012. Un balzo in avanti notevole, anche se per ora il budget pubblicitario del video advertising online rappresenta appena il 2,4% della spesa pubblicitaria complessiva.

YouTube fa la parte del leone in questo mercato, con ricavi pubblicitari che nel 2013 lieviteranno a 2 miliardi di dollari, a fronte di 1,3 miliardi registrati nel 2012, secondo stime di Brian Wieser, analista di Pivotal Research. Un giro d’affari destinato a crescere in maniera esponenziale nei prossimi anni, tanto che secondo previsioni di Bernstein Research supererà 15 miliardi di dollari “nei prossimi anni”, raggiungendo quelli della Cbs e di Viacom.

Fra i partner televisivi di YouTube ci sono Howcast, World Wrestling Entertainment, The Onion e Machinima, un network per gamers. Ad oggi non è chiaro quali saranno i partner di YouTube in vista del lancio dei primi canali su abbonamento.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link