Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

A ottobre il mese europeo della cyber-sicurezza, in Italia con Clusit in campo

L’Ue promuove una serie di manifestazioni organizzate da Enisa per sensibilizzare i cittadini sui rischi informatici. Nel nostro Paese la campagna prende il via col Security Summit; seguiranno gli appuntamenti su cyber hygiene, competenze e cyber scam. Nel 2017 un miliardo di persone nel mondo vittime del crimine online

06 Set 2018

Patrizia Licata

giornalista

Tornano a ottobre le manifestazioni per il Mese europeo della sicurezza informatica – European Cyber Security Month (ECSM), la campagna promossa a livello comunitario dall’Unione Europea e organizzata da Enisa (Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza delle informazione e della rete) volta a promuovere la consapevolezza dei rischi informatici. L’iniziativa è promossa nel nostro Paese da Clusit – Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica.
Come ogni anno, molte sono le iniziative previste nel corso del mese (oltre 80 quelle a calendario nella scorsa edizione) per sensibilizzare istituzioni, imprese e cittadini su un tema che ha impatti ormai devastanti per la società civile: secondo il Rapporto Clusit 2018, lo scorso anno è stato colpito da attacchi informatici oltre un miliardo di persone nel mondo, con perdite economiche stimate per i soli privati cittadini in 180 miliardi di dollari.

La campagna italiana partirà il 4 ottobre a Verona e sarà inagurata dal Security Summit, convegno dedicato alla sicurezza delle informazioni delle reti e dei sistemi informatici, nel corso del quale sarà presentata la nuova edizione del Rapporto Clusit 2018, con i dati relativi al cybercrime nel primo semestre dell’anno.

Il programma si inserisce nell’ambito del costante lavoro di prevenzione e formazione che è la missione di Clusit e si svolge in accordo con l’Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione del Ministero dello Sviluppo Economico (ISCOM). Sono inoltre coinvolte Università e Centri di Ricerca italiani.

Con il leit motiv “Cyber security is a shared responsibility! STOP.THINK.CONNECT”, proposto dall’Enisa, le 4 settimane di ottobre saranno dedicate a differenti tematiche della cyber-security: Cyber Hygiene nel quotidiano; cultura della sicurezza informatica e competenze digitali; riconoscere i Cyber Scam, ovvero le truffe perpetrate con metodi di ingegneria sociale; aumento dellecompetenze individuali sulle tecnologie per la sicurezza e la privacy.

Per il sesto anno diamo voce nel nostro Paese a un’iniziativa che, grazie alle collaborazioni con organizzazioni private, pubbliche, istituzioni e centri di ricerca, ha assunto una grande visibilità ed è capace di raggiungere un pubblico sempre più ampio”, commenta Paolo Giudice, segretario generale Clusit. “Il mese della sicurezza informatica si inserisce del resto perfettamente nei progetti che Clusit porta avanti con costanza, grazie alle competenze dei suoi soci, nell’ottica di una vera e propria responsabilità condivisa. Siamo convinti che tale responsabilità oggi più che mai debba attingere a competenze anche al di fuori dei confini nazionali: solo così sarà possibile creare una rete di esperienze e di pratiche positive capaci di accrescere la cultura della sicurezza informatica a tutti i livelli”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
clusit
C
cyber-sicurezza

Articolo 1 di 5