SICUREZZA

Cybersecurity, allarme Copasir: “In Italia piattaforme-colabrodo”

Il vicepresidente Giuseppe Esposito: “Spesso appalti a società russe, americane e cinesi, ma in Italia ci sono aziende col know-how adeguato. Servono decisioni politiche e gestionali”. Novità sull’attacco hacker alla Farnesina: partì nel 2014 e durò 16 mesi

13 Feb 2017

A.S.

“E’ un problema che nasce fondamentalmente dalla mancanza di opportune decisioni politiche e gestionali”. Lo afferma Giuseppe Esposito, vicepresidente del Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, mentre emergono ulteriori dettagli sull’attacco informatico subito nei mesi scorsi dalla Farnesina e rivelato il 10 febbraio da un’inchiesta del quotidiano britannico Guardian: il ministero degli esteri sarebbe stato spiato a partire dal 2014, quando a capo del dicastro c’era Federica Mogherini, per 16 mesi, oltre quindi il passaggio di consegne con Paolo Gentiloni, oggi premier.

“Sulla cybersecurity in molte parti le nostre piattaforme sono un colabrodo – sottolinea Esposito – Oggi, ad esempio, con troppa facilità vengono affidati appalti a società russe, americane e cinesi senza prendere in considerazione che in Italia esistono ottime aziende che posseggono il know-how necessario per risolvere le falle dei sistemi informatici del Paese. Serve un registro unico delle imprese di sicurezza per tutta la pubblica amministrazione, ma nemmeno questo basterà”.

WHITEPAPER
Chief operating officer: come bilanciare sicurezza informatica e responsabilità operative
Sicurezza
Cybersecurity

“La sicurezza del Paese – prosegue il senatore – deve essere garantita anche proteggendo il benessere economico e industriale e quindi assicurando protezione alle tante aziende italiane che operano sul web e che sono costantemente in pericolo nella segretezza dei propri dati e delle innovazioni che producono. Per questo motivo – conclude – e per salvaguardare la stessa sicurezza dello Stato, si dovrà assistere e incentivare anche le piccole e medie imprese nella protezione delle informazioni e delle comunicazioni messe in rete. E’ la sfida del secolo e noi, purtroppo, siamo ancora abbastanza in ritardo su questo fronte”.

Quanto all’attacco hacker alla Farnesina, sarebbe iniziato nella primavera 2014 e scoperto nel luglio dello stesso anno, quando la procura di Roma aprì un fascicolo in seguito a una segnalazione del Centro nazionale anticrimine informatico della polizia postale (Cnaipic). L’attività di spionaggio verso il ministero Affari Esteri italiano, che è stata attribuita dal quotidiano britannico ad hacker che agivano per conto della Russia, risale così al periodo in cui il ministro era Federica Mogherini. Il fascicolo è tuttora contro ignoti per i reati di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico aggravato, intercettazione illecita di comunicazioni informatiche e spionaggio politico e militare.