Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INAUGURAZIONE

Dopo Roma tocca a Bruxelles: via al secondo Cybersecurity Lab di Zte

Nella “capitale” delle istituzioni europee la nuova “cittadella” della sicurezza europea. Nel centro si potranno effettuare revisioni del codice sorgente e dei documenti e test della scatola nera e di penetrazione

09 Lug 2019

M. F.

Dopo Roma è la volta di Bruxelles. È nella “capitale” delle istituzioni europee che la cinese Zte ha deciso di tenere a battesimo il suo secondo Cybersecurity Lab europeo che segue quello inaugurato a maggio a Roma presso la sede dell’azienda.

Il Cybersecurity Lab Europe – si legge in una nota – fornirà una gamma molto più ampia di accesso alla verifica alla sicurezza esterna dei prodotti, servizi e processi di Zte e faciliterà la cooperazione esterna nel campo della sicurezza con le parti interessate. Quattro le funzioni essenziali che saranno offerte attraverso il nuovo Lab: revisione del codice sorgente, revisione dei documenti, test della scatola nera e test di penetrazione. Zte – si legge sempre nella nota – condurrà anche ricerche approfondite nel campo della sicurezza in laboratorio, in collaborazione con organizzazioni di sicurezza leader del settore. Inoltre, il laboratorio – assicura l’azienda – svolgerà un ruolo significativo nel garantire la sicurezza delle soluzioni 5G dell’azienda nell’era 5G.

“L’obiettivo di Zte è fornire ai clienti globali, alle autorità di regolamentazione e agli altri soggetti interessati una grande trasparenza attraverso la verifica e la comunicazione”, ha dichiarato Zhong Hong, Capo della Sicurezza di Zte in occasione del taglio del nastro alla presenza di rappresentanti della Commissione Europea e del Consiglio Europeo, operatori di Tlc, della Gsma e altre associazioni di settore.

“La sicurezza per l’industria Ict non può essere garantita da un unico fornitore o da un unico operatore di telecomunicazioni. Zte è disposta a svolgere un ruolo importante nel contribuire alla sicurezza del settore insieme ai suoi clienti e a tutti gli altri stakeholder”, ha aggiunto il manager.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

Z
zte

Approfondimenti

C
cybersecurity

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2