Macron dichiara guerra agli hacker: sul piatto 1 miliardo di euro - CorCom

STRATEGIE

Macron dichiara guerra agli hacker: sul piatto 1 miliardo di euro

Il presidente francese annuncia il piano per fermare i cyberattacchi che stanno prendendo di mira soprattutto gli ospedali: 500 milioni per rafforzare le misure di prevenzione e per la ricerca tecnologica, altri 500 per realizzare a Parigi un centro dedicato alla security

18 Feb 2021

F. Me.

La Francia dichiara guerra agli hacker. In questi mesi gli attacchi informatici hanno preso di mira  in particolare gli ospedali transalpini e richiesto, dunque, da parte dell’Eliseo un’attenzione particolare. Il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron ha annunciato oggi “un miliardo di euro di investimenti” per mettere in campo delle misure di contrasto a un fenomeno che sta dilagando Oltralpe.

Secondo i dati rilasciati dal governo nel 2020 negli ospedali si sono registrati 20 attacchi informatici importanti e nel 2021 se ne registra uno a settimana.

“La nostra strategia di rafforzamento della nostra cyber sicurezza sarà accelerata perché dobbiamo fare di più e più rapidamente”, ha sottolineato Macron che oggi ha avuto una riunione in videoconferenza con gli ospedali del nord ovest di Villefranche-sur-Saone che comprendono gli stabilimenti di Gleizé, Tarare e Trévoux e Dax, vittime nei giorni scorsi di cyber attacchi informatici che hanno paralizzato, in tutto o in parte, le attività degli ospedali.

Le intrusioni a Dax e a Villefranche-sur-Saone, rispettivamente il 9 e il 15 febbraio, “confermano l’importanza della necessità di rafforzare la cyber sicurezza” che “è una delle nostra priorità”.

“Investiremo massicciamente per rafforzare la cyber sicurezza dei servizi pubblici e del settore sanitario”, ha aggiungeto Macron sottolineando la necessità di “sostenere la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie per costituire un ecosistema più performante”.

Per questo in particolare, “saranno investiti 500 milioni di euro. Un campus cyber sarà aperto a La Défense”, nella periferia di Parigi, “già questa autunno per riunire tutte le competenze necessarie”.

Il campus cyber  sarà lanciato questo autunno sarà un centro nevralgico che favorirà la cooperazione e l’innovazione”.

Nel 2020 l’Anssi (l’Agenzia francese per la sicurezza informatica) è intervenuto 192 volte contro 54 nel 2019 mentre la sezione cybercriminalità del Tribunale di Parigi nel 2019 ha aperto 148 fascicoli, nel 2020 436. A gennaio 2021 ne sono già stati aperti 40. L’attacco contro l’azienda Sopra Steria l’anno scorso è costato tra i 40 e i 50 milioni di euro. L’attacco contro il gruppo Eurofins Scientific, colpito nel 2019, è costato 69 milioni di euro. Altran ha perso 20 milioni mentre il gruppo norvegese Norsk Hydro ha perso dai 49 ai 58 milioni di euro a causa di un attacco.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

E
Emmanuel Macron

Approfondimenti

C
cybersecurity
F
francia
H
hacker

Articolo 1 di 3