IL CASO

YouTube come Facebook: stop alle “teorie del complotto” di QAnon

Escalation dei social network nella guerra alla disinformazione. “Ban” immediato per le fake news. La misura si potrebbe ampliare nelle prossime settimane

16 Ott 2020

Veronica Balocco

YouTube inizierà a vietare alcuni contenuti relativi a QAnon, il fenomeno emerso su Internet nel 2017 che crea e promuove teorie cospirative. Lo ha affermato giovedì la stessa società con un post online, chiarendo così di voler seguire le orme di Facebook: il social network di Zuckerberg ha infatti annunciato misure simili ma più estese, vietando completamente tutti i contenuti di QAnon.

YouTube si concentrerà in particolare sui contenuti che prendono di mira un individuo o gruppi con teorie del complotto relative a QAnon. La misura entrerà in vigore fin da subito e si estenderà nelle settimane a venire. “Un esempio – si legge nel post – potrebbe essere il contenuto che minaccia o molesta qualcuno suggerendo che sia complice di una di queste cospirazioni dannose, come QAnon o Pizzagate”.
La società ha sostenuto di aver già intrapreso misure per limitare tali contenuti, inclusa la limitazione della portata di disinformazione dannosa attraverso il suo sistema di raccomandazioni, ma ha ammesso che “possiamo fare di più per affrontare alcune teorie del complotto che vengono utilizzate per giustificare la violenza nel mondo reale, come QAnon“.

Trump e i “buoni”  contro il Deep State degli adoratori di Satana

QAnon è un movimento diventato sempre più popolare e da fenomeno marginale ora e’ un tema politico tanto da aver fatto irruzione nella campagna elettorale americana. L’idea di fondo dei seguaci e’ che ci sia un’élite internazionale, una cabala di pedofili adoratori di Satana, che rapisce, abusa e mangia i bambini per estrarre dal loro sangue un elisir ringiovanente: un’élite legata ai Democratici, complici compiacenti personaggi come Hillary Clinton e il finanziere George Soros, che stanno cercando di conquistare il dominio del mondo. E’ una sorta di governo sotterraneo, il “Deep State“, che controlla la politica degli Stati Uniti e del mondo intero dietro le quinte. Sul fronte opposto ai ‘cattivi’, ci sono i “buoni”, tra cui il presidente Usa, Donald Trump, che ha intrapreso la lotta contro questo Deep State.

Una repressione che coinvolge anche Twitter, ma i seguaci continuano ad estendersi

YouTube è l’ultima piattaforma a reprimere i contenuti di QAnon prima delle elezioni presidenziali del 3 novembre. Facebook ha annunciato il 6 ottobre che avrebbe vietato tutte le pagine, i gruppi e gli account relativi alla promozione del movimento. A luglio, Twitter ha annunciato un’ampia repressione sui contenuti legati al fenomeno, espellendo 7mila account dalla piattaforma e promettendo di smettere di promuovere o raccomandare QAnon. Twitter non ha bandito completamente QAnon dal suo sito, ma ha affermato che non renderà più visibili i tweet o gli account di QAnon nelle ricerche o nei consigli.
Un rapporto dell’Associated Press ha rilevato che, nelle ultime settimane, i contenuti legati all’illusione di massa si diffondono ancora sulla piattaforma dei social media. L’AP ha scoperto più di una dozzina di popolari account QAnon su Twitter che insieme mantengono un seguito di quasi 1,5 milioni di utenti, quasi tutti consigliati agli utenti che seguivano altri account QAnon.

L’illusione di massa è stata collegata a una serie di eventi violenti. Nel 2016, un sostenitore di una teoria QA non adiacente nota come PizzaGate si è recato a Washington DC e ha sparato in una pizzeria che credeva ospitasse un anello sessuale infantile.
Gli esperti definiscono queste affermazioni estreme e infondate “un incitamento alla violenza”. Il movimento è stato classificato dall’FBI come potenziale istigatore del terrorismo interno.

MIP_brochure_cybersecurity

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5