5G, il ministro Manfredi: "Partnership pubblico-privato per spingere adozione" - CorCom

L'INTERVENTO

5G, il ministro Manfredi: “Partnership pubblico-privato per spingere adozione”

“Fondi europei occasione fondamentale per lo sviluppo del Paese”. Per ridurre il digital divide necessario agire sulla diffusione delle competenze Stem e su “azioni cooperative che arrivino all’industrializzazione”

01 Dic 2020

Veronica Balocco

“Politiche coordinate e all’altezza dei tempi, che guardino a una dimensione transnazionale”. Saranno questi gli strumenti necessari a “governare la transizione verso il digitale”, pur nell’accelerazione imposta dalla pandemia. Lo ha affermato il ministro dell’Universita’ e della Ricerca, Gaetano Manfredi.

“Serve una politica dominante”

“Per rendere efficace questa profonda trasformazione tecnologica è necessaria una politica che governi gli eventi, e non si lasci governare – ha chiarito il ministro Manfredi -. Bisogna avere una capacità di visione rispetto alle nuove tecnologie: non possiamo avere una politica episodica, ci vuole una politica che guardi oltre”.
Non solo. Davanti allo scarso numero di laureati in Italia in discipline di area Stem e specializzati in digitale, fenomeno che porta ad un digital divide diffuso, Manfredi ha puntato l’attenzione sul futuro: “Quando parliamo di 5G non parliamo solo di infrastrutture ma anche di medicina tecnologia, agricoltura tecnologica, di tutti i servizi avanzati. Quindi sostenere questo sistema vuol dire passare da una scoperta all’applicazione diffusa“, ha spiegato, ricordando l’importanza del partenariato pubblico-privato. “Bisogna mettere insieme, in luoghi fisici o virtuali, azioni cooperative di ricerca che arrivino fino all’industrializzazione. È un sistema complesso di tanti attori che deve avere pero’ un’applicazione rapida in tempi ristretti”, ha spiegato il ministro, facendo riferimento anche alle ricerche sul vaccino”.

“Università e ricerca diano le giuste risposte”

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Infine, sui fondi europei in arrivo con il Recovery Fund, Manfredi ha detto che “il sistema di ricerca deve essere permanente. È una sfida complessa che necessita di molti investimenti. Mi auguro che questa occasione sia colta e che sia in grado di dare al Paese una nuova visione. C’è fiducia nelle competenze, e il mondo della ricerca e dell’università deve essere capace di dare le giuste risposte“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5