Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA GARA

A Telespazio la gestione di Galileo, sul piatto 1,5 miliardi

La società si è aggiudicata la gara tramite Spaceopal, jv con la tedesca Dlr Gfr. Thales Alenia Space firma contratti per 180 milioni per le attività ingegneristiche a supporto dello sviluppo del sistema satellitare. Moretti (Leonardo): “Riconosciute le nostre capacità industriali nel settore spaziale europeo”

15 Dic 2016

F.Me

A Telespazio la gestione del sistema Galileo. La società controllata da Leonardo, tramite Spaceopal (joint venture con la società Dlr GfR dell’Agenzia Spaziale Tedesca) si è aggiudicata la gara dal valore fino a 1,5 miliardi di euro per la gestione del programma europeo di navigazione e localizzazione satellitare Galileo, per il quale da oggi inizia ufficialmente la sperimentazione del servizio. Thales Alenia Space, joint venture tra Thales e Leonardo, ha siglato contratti per circa 180 milioni di euro.

Il primo contratto vedrà Spaceopal responsabile per 10 anni, in qualità di “Galileo System Operator”, della gestione dell’intero sistema Galileo e delle sue prestazioni, in particolare per quanto riguarda operazioni, controllo e manutenzione del sistema, sicurezza e gestione del servizio. Un ruolo centrale nello svolgimento di tali attività avrà il Centro Spaziale “Piero Fanti” di Telespazio al Fucino. Telespazio è inoltre impegnata nella realizzazione di una vasta gamma di applicazioni basate su Galileo e su Egnos (European Geostationary Navigation Overlay Service) in settori come l’aviazione civile, il trasporto ferroviario, il monitoraggio delle merci pericolose, il controllo di velivoli senza pilota.

“Siamo orgogliosi di contribuire, con le nostre tecnologie e competenze, al sistema satellitare Galileo, che offrirà servizi di qualità ai cittadini di tutto il mondo e potrà rappresentare un volano per la crescita economica e la competitività – commentaMauro Moretti, Ad e direttore generale di Leonardo – Dopo la Ministeriale Esa, che ha confermato il finanziamento dei programmi spaziali in cui Leonardo è protagonista, primo fra tutti ExoMars 2020, i contratti firmati oggi sono un ulteriore riconoscimento del ruolo di primo piano dell’azienda nel settore spaziale europeo”.

I contratti firmati da Thales Alenia Space riguardano invece la fornitura ad Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Gsa (European Gnss Agency) di attività ingegneristiche a supporto dello sviluppo dell’infrastruttura e dei servizi di Galileo dal 2017 al 2022. Leonardo è da sempre partner industriale del programma Galileo, per cui ha realizzato anche i sensori di assetto per il controllo della posizione dei satelliti e gli orologi atomici all’idrogeno utilizzati per segnarne il tempo, oltre a un ricevitore per il servizio Prs, pensato per enti governativi e infrastrutture critiche con speciali requisiti di sicurezza.

Articolo 1 di 3