Accenture, a Milano taglio del nastro del corporate center. Via all'era post-pandemia - CorCom

SMART BUILDING

Accenture, a Milano taglio del nastro del corporate center. Via all’era post-pandemia

Nella torre da 20 piani messi in campo 5mila sensori Iot e tecnologie innovative per abbattere i consumi energetici. È la prima tappa di Forward Building, il piano di investimenti da 360 milioni. In autunno sarà la volta della sede di Roma. Il presidente Benasso: “Cambio di paradigma, la tecnologia al servizio del capitale umano”

14 Set 2021

Enzo Lima

Taglio del nastro a Milano per il nuovo Corporate Center di Accenture. La torre da 20 piani e 15.000 metri quadrati svetta nel cuore del Porta Nuova Business District e rappresenta la prima tappa del programma Forward Building avviato dall’azienda nel 2019, con un investimento complessivo di 360 milioni di euro e 70.000 metri quadrati di nuovi spazi, volto a ripensare e ridisegnare gli spazi professionali per favorire un modello di lavoro flessibile  e allo stesso tempo ribadire la centralità dello spazio per coloro che lo frequenteranno attraverso zone per meeting informali, ambienti creativi e centri esperienziali dove immergersi nelle nuove tecnologie e ospitare sessioni di brainstorming e design thinking. Dopo la torre milanese sarà la volta della nuova sede di Roma Sciangai che sarà inaugurata in autunno e di quella di Milanofiori Nord nella primavera del 2022.

“Abbiamo creduto molto nel programma Forward Building, confermato nonostante la pandemia. Per noi rappresenta un vero e proprio cambio di paradigma nel concepire l’esperienza professionale, dove la tecnologia è al servizio del capitale umano perché possa esprimere tutto il suo potenziale e sia in grado di abbracciare il cambiamento. Questo è uno dei valori in cui crede fermamente Accenture”, commenta Fabio Benasso, Presidente di Accenture Italia.

“Dopo un lungo periodo di lavoro da remoto, i nostri talenti potranno tornare a incontrarsi in sicurezza, collaborare e condividere esperienze, in un ambiente creativo, stimolante ed innovativo”, aggiunge Mauro Macchi, Amministratore Delegato di Accenture Italia.

All’inaugurazione presenti anche il sindaco Giuseppe Sala e il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Milano continua a crescere e lo fa in modo bello e sostenibile ed evidente. Oggi inauguriamo la Torre di Accenture, qui al centro di Porta Nuova, considerato ormai il nuovo business district di Milano. È un nuovo grande risultato, un passo avanti nel programma di rigenerazione della città che, anche nel periodo della pandemia, ha risposto alle aspettative di chi ha investito e lavorato per raggiungere nei tempi l’obiettivo”, commenta il sindaco Sala. Da parte sua Fontana evidenzia “il ruolo importante che gioca Accenture per trasferire anche alle Pmi e ad altre filiere competenze tecnologiche e digitali di cui le imprese hanno bisogno”.

Presente anche Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda il quale accende i riflettori sugli investimenti nella formazione e nelle nuove competenze: “Da tempo, con Accenture stiamo lavorando per accelerare questo cambio culturale, attraverso progetti di formazione per promuovere le discipline scientifiche e la digitalizzazione. E contribuire a costruire un’economia della conoscenza, che è il principale strumento per accrescere il benessere del Paese e quello della “next generation”.

La torre di via Bonnet, riqualificata dalla proprietà Coima Sgr, è stata progettata in termini di sostenibilità permettendo di ridurre del 20% le emissioni di CO2 rispetto all’edificio di riferimento, utilizzando materiali incentrati sul principio di economia circolare nello sviluppo immobiliare e fonti rinnovabili che coprono il 65% del fabbisogno energetico dell’edificio. Inoltre, una rete di oltre 5.000 sensori IoT (Internet of Things) consente di monitorare i parametri ambientali interni, calibrando automaticamente temperatura, luci, ecc. per garantire le migliori condizioni di comfort agli utenti e risparmio energetico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5