Addio al contante, oltre il 50% degli italiani dice sì ai pagamenti full digital - CorCom

ITALIA PRIMA IN EUROPA

Addio al contante, oltre il 50% degli italiani dice sì ai pagamenti full digital

Secondo le elaborazioni di MoneyTransfers.com siamo sesti nella classifica globale che piazza sul podio India, Malesia, Uae e Indonesia. Nel Vecchio Continente Svezia, Germania e Francia i meno convinti ad abbandonare del tutto la “carta”

04 Mar 2021

Patrizia Licata

giornalista

Una società senza cash comincia a non essere più un’ipotesi avveniristica per pochi nerd della tecnologia. La pandemia ha profondamente modificato l’approccio del grande pubblico (anche in Italia) sull’utilizzo degli strumenti digitali e i pagamenti non fanno eccezione. In Italia, un Paese tradizionalmente legato ai pagamenti in contanti, oltre la metà delle persone ha fatto il “salto” verso la cashless society dicendosi favorevole a un sistema basato esclusivamente sulle transazioni digitali.

Lo rivela un’analisi di MoneyTransfers.com basata sui dati pià recenti di YouGov e da cui è scaturita una classifica dei Paesi del mondo più aperti a una cashless society.

L’India prima della classe

Il ranking è dominato dai Paesi asiatici, i più convinti dell’impatto positivo dei pagamenti solo elettronici. Al primo posto del si piazza l’India, dove il 79% degli intervistati è favorevole a una cashless society nel proprio Paese. Al secondo posto la Malesia, con il 65% del campione che dice sì. Terzi gli Emirati Arabi Uniti (Uae) e l’Indonesia con lo stesso punteggio: il 63% è convinto dell’impatto positivo di una società senza cash.

NEWSLETTER
Cashbak, Open Banking e molto altro. Non perdere le notizie della Newsletter di Pagamenti Digitali
Dematerializzazione
Pagamenti Digitali

Seguono Vietnam (60%) e Singapore (56%).

Italia prima in Europa

L’Italia è in sesta posizione, a pari merito con le Filippine, e primo tra i Paesi europei nel dirsi convinto dei vantaggi di una cashless society. Il 52% dei nostri connazionali pensa che eliminare completamente il contante sarebbe un’ottima decisione per il Paese.

Inoltre, il 41% degli italiani ha riferito di pagare meno spesso con i contanti da quando è scoppiata la pandemia.

Usa, Svezia e Francia i più scettici

Tra i fanalini di coda si collocano invece Paesi comunemente considerati come digitalmente avanzati. Gli Stati Uniti sono 15mi, insieme alla Svezia, con solo il 24% delle persone che ritiene che la cashless society sia una scelta positiva.

Ancora peggio la Germania (20%) e la Francia, 17ma e ultima nella classifica di MoneyTransfers.com con appena il 18% dei francesi si dichiara favorevole a un Paese completamente dipendente da forme elettroniche di pagamento.

La ricerca è stata condotta intervistando 25.823 persone, di cui 1.010 in Italia. La domanda che è stata sottoposta è la seguente: “Pensi che sarebbe positivo o negativo se il tuo Paese divenisse cashless, ovvero accettasse solo moneta in forma elettronica?”

Le forme elettroniche di pagamento considerate sono bancomat, carte di credito, Google pay, Apple pay e altre applicazioni che escludono il cash.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cashless
P
pagamenti digitali
P
pandemia