RISTRUTTURAZIONI

Alcatel-Lucent, incontro al Mise sullo shift plan

I sindacati, dopo la riunione di oggi a Milano delle Rsu dei siti italiani dell’azienda, indicono otto ore di sciopero per il 31 marzo contro i 586 licenziamenti previsti in Italia. L’agitazione in concomitanza con il tavolo ministeriale sulla vertenza

25 Mar 2014

Antonello Salerno

Otto ore di sciopero, il 31 marzo, per protestare contro lo shift plan di Alcatel-Lucent che prevede 586 esuberi in Italia, circa un terzo della forza lavoro complessiva della multinazionale franco statunitense in Italia, e più di 10mila licenziamenti in tutto il mondo. A decidere l’agitazione sono state oggi le Rsu delle sedi aziendali, che si sono riunite a Milano. La protesta dei sindacati si svolgerà in concomitanza con la nuova riunione del tavolo al ministero dello Sviluppo economico.

Alla fine di febbraio Michel Combes, amministratore delegato di Alcatel-Lucent, era stato ascoltato in un’audizione informale alla commissione Attività produttive della Camera: “Alcatel-Lucent – aveva detto – scommette sull’intenzione che gli investimenti pubblici e privati previsti per l’Agenda digitale verranno fatti e saranno indirizzati principalmente alle aziende europee presenti nel paese, per questo l’Italia è un luogo dove intendiamo rimanere e mantenere le attività. Il fatturato in Italia si è dimezzato in pochi anni – ha continuato – Potevo contare su 873 collaboratori nel 2010, 780 nel 2013 e sono costretto a ridurli a 480, ossia ridurlo ancora di 300 persone affinché sia coerente con l’attività che rimangono in Italia. Se fate il calcolo – ha concluso – vedrete che ne mantengo un po’ più di quanti me ne servano, perché scommetto che l’Europa delle tlc si rimetterà in piedi e ricomincerà a investire, scommetto sull’Agenda digitale“.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Intervistato dal Corriere delle Comunicazioni a metà marzo, il numero uno della società aveva affermato: “Nessun abbandono dell’Italia, ma la riorganizzazione è necessaria. Troppa dispersione e costi operativi eccessivi. Il Futuro? Ottica e trasmissione wireless”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link