Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Amazon, avanti tutta sulla sanità: entro l’anno le cliniche per i dipendenti

L’azienda guidata da Jeff Bezos punta ad aprire una serie di strutture per offrire servizi sanitari ai propri lavoratori. La prima sarà presso il quartier generale di Seattle

10 Ago 2018

Per Amazon ancora un passo nel settore della sanità. Un vecchio “pallino” del fondatore Jeff Bezos che già negli anni Novanta aveva investito nella piattaforma di e-commerce farmaceutico Drugstore.com.

Il colosso americano si prepara ad aprire cliniche di proprietà mettendo un altro tassello al suo piano: a giugno aveva acquisito la farmacia online PillPack per un miliardo di dollari – questa la stima – e all’inizio del 2018 aveva annunciato di avere unito le forze con JP Morgan e la Berkshire Hathaway di Warren Buffett per offrire ai dipendenti migliori servizi sanitari a costi più bassi.

Stando a fonti sentite da Cnbc, nel gruppo di Jeff Bezos si sta discutendo l’apertura delle cliniche a cominciare dal quartier generale a Seattle (Stato di Washington). L’idea sembra quella di arruolare medici per iniziare quest’anno a testare il servizio su un determinato gruppo di dipendenti.

All’inizio del 2019 l’offerta verrebbe poi estesa a tutti. Stando a Cnbc, inizialmente Amazon voleva aprire cliniche ma affidando a terzi la loro gestione. Alla fine la società ha deciso di agire da sola seguendo la strada già intrapresa da Apple: AC Wellness Network, controllata dalla società della Malea, ha già assunto oltre 40 medici per le sue cliniche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
S
sanità

Articolo 1 di 5