TAKEOVER DA RECORD

Amd si prende Xilinx per 50 miliardi di dollari: nasce il colosso dei chip

Completata la più grande acquisizione del settore. La ceo Lisa Su: “Offriremo al mercato il milgiore portafoglio di soluzioni nel calcolo ad alte prestazioni”.

14 Feb 2022

Antonello Salerno

amd xilinx

Nasce con il completamento del takeover di Amd su Xilinx il gigante globale del calcolo ad alte prestazioni e adattivo. Ad annunciare il closing dell’operazione è proprio Amd, multinazionale nel campo dei semiconduttori di Sunnyvale, in California, che con questa acquisizione sul produttore di dispositivi logici programmabili di San Jose, sempre in California, mette a segno la più grande operazione mai realizzata nel campo dei seminconduttori, per un valore che supera i 50 miliardi di dollari.

La rilevanza strategica dell’accordo appena ufficializzato, spiega Amd in una nota, sta nel fatto che “unisce due aziende leader di settore con portafogli prodotti, clienti e competenze di mercato complementari”.

In sostanza Xilinx andrà a confluire con il suo bagaglio di competenze nel nuovo Adaptive and Embedded Computing Group (Aecg) di Amd, guidato dall’ex Ceo di Xilinx Victor Peng. La divisione “continuerà a  focalizzarsi sui dispositivi logici programmabili (Fpga) e SoC adattivi, oltre che sulle roadmap dei prodotti embedded per i suoi mercati di riferimento – prosegue Amd – avvantaggiandosi ora di efficienze di scala e della possibilità di offrire una più vasta gamma di soluzioni, comprese le Cpu e le Gpu di Amd”.

“L’acquisizione di Xilinx riunisce prodotti, clienti e mercati altamente complementari a proprietà intellettuali diversificate e talenti di livello mondiale, dando vita al nuovo leader nel settore del calcolo ad alte prestazioni e adattivo – afferma Lisa Su, Ceo di Amd – Xilinx offre dispositivi logici programmabili (Fpga), SoC adattivi, AI Engine e competenze software leader di mercato, che ci consentiranno di offrire al mercato il migliore portafoglio di soluzioni  adaptive e high-performace computing del settore, oltre che indirizzare una quota maggiore dei circa 135 miliardi di dollari di opportunità di mercato che prevediamo in ambito cloud, edge e dispositivi intelligenti“.

“Questo giorno rappresenta un momento storico per Amd in Emea, in quanto unendo le nostre forze con Xilinx creiamo il leader nel settore del calcolo ad alte prestazioni ed adattivo – aggiunge Mario Silveira, corporate vice president Emea di Amd – Ora, AMd ha il più vasto portafoglio prodotti del settore per i segmenti del computing, della grafica e dei SoC adattivi. Siamo entusiasti dell’opportunità di poter collaborare con i nostri clienti in un più ampio ventaglio di mercati come quello delle telecomunicazioni, dell’automotive e industriale, che rappresentato le colonne portanti della crescita economica in Emea”.

Tra i vantaggi che deriveranno dall’acquisizione appena conclusa c’è un incremento del Tam, il Total Addressable Market, che passa da un valore di 80 a quello di 135 miliardi di dollari: “Le collaborazioni strategiche di Xilinx nei settori delle comunicazioni wired e wireless, automotive, industriale, aerospaziale e della difesa, del broadcasting, misurazione e simulazione e nei mercati consumer – spiega Amd – completano la presenza di AMD nei mercati dei Pc e dei data center”. Grazie al merger inoltre sarà possibile applicare il perimetro delle attività di ricerca e sviluppo dell’azienda, con un importante rafforzamento del modello finanziario.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2