Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

I BENEFIT

Apple e Facebook pagano il congelamento degli ovuli alle lavoratrici

I big della Silicon Valley mettono mano al portafoglio per “agevolare” le donne in carriera. La mossa è l’ultima di una serie di azioni a sostegno della famiglia che prevede anche aiuti economici per i trattamenti dell’infertilità e per le procedure di adozione

15 Ott 2014

F.Me.

La Silicon Valley, notoriamente dominata dagli uomini, punta ad attrarre sempre più donne di talento offrendo loro una nuova forma di benefit: la copertura dei costi legati al congelamento degli ovuli, che permette alle lavoratrici di posticipare il momento in cui diventeranno mamme e dunque di concentrarsi sulla propria carriera.

Ad lanciare questa copertura extra sono Apple (da gennaio) e Facebook, quest’ultimo – secondo la stampa Usa – forse influenzato dal suo direttrice operativo nonché autrice del libro “Lean in” (Facciamoci avanti) Sheryl Sandberg.

La mossa da parte del produttore dell’iPhone e del social network è solo l’ultima di una serie di benefit orientati al benessere e alla famiglia. I due gruppi per esempio danno aiuto in trattamenti per la fertilità e l’adozione. Facebook in particolare dona 4.000 dollari a neo mamme e papà. E nel caso del congelamento degli ovuli, sono diposti a spendere fino a 20.000 dollari per dipendente. La procedura costa almeno 10.000 dollari alla volta più 500 dollari annui per conservare gli ovuli. Stando a Nbc News, che ha dato la notizia, Apple e Facebook si adeguano a un trend che solo a New York e San Francisco ha visto nell’ultimo anno il raddoppio di casi di congelamento degli ovuli. Un sondaggio della rivista “Fertility and Sterility” rivela che la maggioranza di chi ha fatto ricorso a una tale procedura si sente con più potere di scelta nella propria vita anche se l’orologio biologico avanza. Ma la mossa di Apple e Facebook rischia di essere un’arma a doppio taglio. Potrebbe essere vista cinicamente, come una strategia per spingere le donne a vendere la propria anima (e i migliori anni per dare alla luce un bebè) ai datori di lavoro sperando in una promozione.

Intanto però iniziano a spopolare i party dell’ovulo congelato. Li organizza EggBanxx, il primo servizio che aiuta le donne a finanziare la procedura del congelamento. Lo slogan? Anche se non avete trovato l’uomo giusto, congelare oggi permetterà di concepire domani.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
F
facebook

Articolo 1 di 5