Apple, l'iPhone batte le attese. Tiene la domanda cinese - CorCom

RISULTATI

Apple, l’iPhone batte le attese. Tiene la domanda cinese

L’utile sale del 30% nel quarto trimestre. Aumentate di 11 milioni di pezzi le vendite di smartphone, bene i Mac, in sofferenza gli iPad, crescono gli Apple Watch. Ma rimane il punto interrogativo dei mercati: ce la farà a mantenere il ritmo di crescita?

28 Ott 2015

Andrea Frollà

Nuovi mercati per Apple Watch e vendite record di iPhone e Mac. Sono questi i due fattori che hanno permesso al colosso di Cupertino di chiudere il quarto trimestre dell’anno fiscale 2015 in crescita. Fatturato in aumento di circa il 22% rispetto allo stesso periodo del 2014: 51,5 miliardi di dollari, di cui il 62% dalle vendite internazionali, contro i 42,1 miliardi di ricavi ottenuti a settembre dello scorso anno.

Nel quarto trimestre in considerazione, Apple ha venduto 48 milioni di iPhone, ben oltre i 39 milioni e 200mila dello stesso periodo 2014: smentite dunque le stime negative degli analisi sulla tenuta degli smartphone. Salgono, anche in misura lieve,anche i Mac venduti sul mercato (5,7 milioni, ossia 200mila in più rispetto a settembre 2015). A calare sono invece le vendite di iPad: 9,9 milioni di pezzi, circa 2 milioni e mezzo in meno se confrontati al 4 trimestre dell’anno fiscale 2014.

Per Apple balzo in avanti anche per l’utile netto, arrivato a 11,1 miliardi (+30% rispetto al 2014), mentre il margine lordo ha guadagnato in anno l’1,1%, chiudendo al 39,9%.