Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Apple sotto attacco: “Vìola la legge sul lavoro in Cina”

L’accusa di una Ong statunitense: “Troppi contratti anomali nella super-fabbrica degli iPhone a Zhengzhou”. L’azienda: “Molte critiche infondate, ma risolveremo il problema”

10 Set 2019

L. O.

“Apple viola il diritto del lavoro in Cina”. L’accusa parte dal China Labour Watch (un’organizzazione non governativa Usa) che pubblica un report secondo cui l’azienda guidata da Tim Cook, insieme a Foxconn, ad agosto avrebbe impiegato nella maggiore fabbrica di iPhone a Zhengzhou, in Cina, più della metà della forza lavoro in assunzioni temporanee: i cosiddetti lavoratori “anomali”, soprattutto studenti.

L’azienda rimanda le critiche al mittente. “La maggior parte delle accuse sono false – scrive Apple in una nota -. Tutti i lavoratori ricevono un’indennità adeguata, compresi stipendi e premi straordinari: tutto il lavoro straordinario è stato volontario e non ci sono prove di lavoro forzato”. Tuttavia dichiara di aver verificato che la percentuale di lavoratori temporanei ha superato i propri standard. “Stiamo lavorando a stretto contatto con Foxconn per risolvere questo problema”, ha detto la società.

Il diritto del lavoro cinese prevede che le assunzioni temporanee non possono superare il 10% del totale dei lavoratori dipendenti. A settembre, molti degli studenti lavoratori assunti sono tornati a scuola, il che ha portato a una diminuzione del numero di lavoratori temporanei. “Ma la percentuale è ancora maggiore di quanto previsto dalla legge cinese” afferma il report del China Labour Watch.

Inoltre i lavoratori guadagnano un salario di base di 2.100 yuan (295 dollari), “insufficiente per il sostentamento di una famiglia che vive nella città di Zhengzhou”.

Dal canto suo Foxconn ha confermato che un’analisi delle sue attività a Zhengzhou “ha rilevato alcuni problemi di rispetto dei contratti di lavoro. Tuttavia abbiamo verificato che ai lavoratori sono stati pagati tutti gli straordinari e i relativi bonus ”.

La catena di approvvigionamento di Apple ha subito numerose critiche nel corso degli anni a causa delle cattive condizioni di lavoro. Da parte sua, il produttore di iPhone ha spinto i fornitori a migliorare i contratti di lavoro se vogliono continuare a lavorare con il gigante della tecnologia. Apple ha un codice di condotta che richiede ai fornitori di fornire condizioni di lavoro sicure, trattare i lavoratori con dignità e rispetto e agire in modo equo ed etico. Rilascia un rapporto annuale sulla responsabilità del fornitore che traccia i progressi su questi fronti.

Nell’ultimo rapporto di Apple, la società ha dichiarato di aver condotto oltre 44.000 interviste nel 2018 con dipendenti dei fornitori per assicurarsi che ricevessero formazione e fossero a conoscenza dei canali adeguati per esprimere preoccupazioni.

“Tuttavia, le nostre recenti scoperte sulle condizioni di lavoro a Zhengzhou Foxconn evidenziano diverse questioni che violano il codice di condotta di Apple”, ha scritto CLW nel suo rapporto. “Apple ha la responsabilità e la capacità di apportare miglioramenti fondamentali alle condizioni di lavoro lungo la sua catena di fornitura. Ma il rischio è che Apple stia trasferendo i costi dalla guerra commerciale Usa-Cina sui propri fornitori cinesi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
apple
F
foxconn

Approfondimenti

C
cina
L
lavoro

Articolo 1 di 3