Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MEMORANDUM OF UNDERSTANDING

Asse commerciale Cina-Uk, Tencent si allea con Londra in nome della cultura

Si parte con le collaborazioni con BBC, Visit Britain e l’editore di Nature e Scientific American. L’accordo commerciale tocca la moda e i videogame e ha possibilità di ampliamento. Il colosso cinese ne farà una “rampa di lancio verso l’Europa”

09 Mag 2018

Patrizia Licata

giornalista

Produzione di film, giochi, oggetti di moda: c’è anche questo nell’accordo commerciale firmato dal colosso di Internet cinese Tencent col governo britannico. In base al Memorandum of understanding siglato con il dipartimento del Commercio internazionale del Regno Unito, Tencent collaborerà con l’industria culturale britannica, concentrandosi in particolare sui settori del cinema, dei videogame e della moda, ma l’intesa copre in generale progetti digitali, culturali e creativi con la BBC, British Fashion Council, Visit Britain (l’ente che promuove il turismo verso la Gran Bretagna) e l’editore  Springer Nature che pubblica tra l’altro Nature e Scientific American. I prodotti creativi sviluppati in Uk saranno riportati in patria e offerti alla vasta audience cinese di Tencent.

L’annuncio dell’intesa è stata data dal segretario di Stato britannico per il commercio internazionale, Liam Fox, e dal Senior Executive Vice President di Tencent, Seng Yee Lau, in un evento a Londra. “Nei prossimi anni il Regno Unito ha una preziosa opportunità di lavoare con aziende come Tencent per guidare l’innovazione e definire il futuro del commercio globale”, ha affermato Fox.

Tencent gestisce una vasta serie di attività su Internet, che include Tencent Video, un servizio in streaming simile a Netflix, e WeChat, una piattaforma tra social network e chat di messaggistica con 980 milioni di utenti attivi al mese in Cina e una penetrazione nelle maggiori città che supera il 93%, utilizzata per chattare, navigare, acquistare prodotti e servizi e pagare online. Un ecosistema che in patria è popolarissimo, ma all’estero è poco conosciuto. Il gruppo cinese ha detto che l’accordo con Londra amplia la cooperazione esistente tra Cina e Uk e apre la strada a un’ulteriore espansione internazionale della sua attività. Lau ha dichiato all’agenzia di stampa Reuters che l’accordo commerciale col governo britannico offre a Tencent una “rampa di lancio” verso l’Europa: l’avanzata comincia con le alleanze nell’industria creativa ma potrebbe proseguire con ulteriori opportunità sia commerciali che di investimento.  Finora la maggiore operazione finanziaria del gruppo cinese in Europa è stata l’acquisizione del controllo del sito finlandese per i mobile games Supercell per 8,6 miliardi di dollari nel 2016.

In Italia Tencent ha già mosso i primi passi: a febbraio la società italiana Digital Retex, partner ufficiale di Tencent in Europa, e Docomo Digital, piattaforma specializzata nei pagamenti digitali, ha attivato per i turisti cinesi in Italia la possibilità di pagare i loro acquisti utilizzando WeChat Pay, il sistema di mobile payment della popolare app cinese. Questa partnership apre delle opportunità importanti anche per i negozianti italiani, che potranno utilizzare uno dei metodi di pagamento più in crescita in Cina, adattandosi alle esigenze e alle abitudini di una platea di consumatori sempre più interessati all’Italia. Nel 2017 i consumatori cinesi hanno effettuato più di un milione di transazioni al minuto su WeChat e nel 2016 in Italia si sono registrati ben 3,79 milioni di arrivi dalla Cina, con un incremento di oltre il 5% sull’anno precedente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5