Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

Auto a guida autonoma: lo sprint nel 2023, norme permettendo

Secondo Gartner gli aggiornamenti del software consentiranno progressivamente maggiore autonomia. Previsti quasi 750mila veicoli su strada in 4 anni. Ma per superare la fase di test serviranno regole ad hoc. Nord America, Cina ed Europa Occidentale le aree-traino

21 Nov 2019

Giampiero Rossi

I veicoli a guida completamente autonoma sono un’innovazione che viene pubblicizzata da molti anni, ma per ora, a parte auto parzialmente autonome che hanno bisogno dell’apporto umano, non si sono mai visti sul mercato.

Sembra, però, questa tendenza stia per cambiare: secondo un rapporto di Gartner dal titolo “Forecast Analysis: Autonomous Vehicle Net Additions, Internet of Things, Worldwideentro il 2023, ci saranno più di 745.000 veicoli autonomi sulla strada.

La crescita verrà principalmente dal Nord America, dalla Cina e dall’Europa occidentale, in quanto queste regioni saranno le prime a introdurre normative sulla tecnologia di guida autonoma.

Per ora non esistono ancora veicoli avanzati al di fuori della fase di ricerca e sviluppo, ma ci sono auto con capacità autonome limitate che fanno ancora affidamento sulla supervisione di un guidatore umano, anche se nei prossimi anni gli aggiornamenti del software potrebbero consentire livelli più elevati di autonomia.

Altro punto dolente è che, per ora, non esistono ancora paesi che abbiano normative che consentano ai veicoli autonomi di operare legalmente, il che rappresenta un ostacolo fondamentale per il loro sviluppo e utilizzo.

Tuttavia, Gartner prevede che, entro il 2028, un quinto dei paesi del mondo si doterà di regolamenti che consentiranno ai veicoli autonomi, pronti per la produzione, di operare legalmente.

Allo stato attuale, gli algoritmi di percezione che possiedono i veicoli autonomi sono ancora meno efficienti rispetto agli autisti umani; Gartner, però, prevede che già nel 2025 i sistemi dimostreranno una capacità di un ordine di grandezza migliore rispetto ai guidatori umani.

Per velocizzare questa innovazione, le aziende tecnologiche stanno utilizzando software di simulazione basati sull’intelligenza artificiale per capire come i veicoli siano in grado di gestire situazioni diverse. Dunque, in futuro, con l’avvento dei veicoli completamente autonomi, ai guidatori non resterà che aspettare e sperare di essere portati dalle auto senza dover subire un traffico sempre più caotico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4