Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LO SCENARIO

Battuta d’arresto per l’elettronica, appello di Anie: “Più sostegno all’innovazione”

Segno meno per la produzione industriale nel comparto a ottobre 2019. Il presidente della federazione Busetto: “Serve una conferma strutturale delle misure anticicliche. Settore strategico per la crescita italiana”

10 Dic 2019

L. O.

Battuta d’arresto per l’elettronica italiana. Emerge dai dati Istat secondo cui la produzione industriale delle tecnologie – Elettrotecnica ed Elettronica – rappresentata da Anie registra a ottobre 2019 un calo dello 0,5% (contro il -2,7% della media del manifatturiero nazionale).

Rispetto a settembre 2019 il settore ha mostrato una contrazione dei livelli di attività pari allo 0,8% (-0,3% il manifatturiero nazionale). E’ invece a quota 0,7% il calo registrato nel periodo gennaio-ottobre 2019, nel confronto su base annua.

“Le imprese continuano a confrontarsi con le incognite imposte da uno scenario in rallentamento. – dice il presidente di Federazione Anie Giuliano Busetto -. Per ritornare in un sentiero di crescita è auspicabile un potenziamento e una conferma strutturale delle misure a sostegno dell’innovazione tecnologica, un driver essenziale per un Paese manifatturiero come l’Italia”.

Italia a rischio nella classifica europea

Tanto più, sottolinea Busetto, che nei settori l’Italia è il secondo hub industriale in Europa, dopo la Germania: “Occorre quindi – dice il presidente della federazione – accelerare le misure anticicliche partendo dai fattori competitivi che creano più alto valore aggiunto. Sostenere l’innovazione nei processi produttivi e nelle infrastrutture più strategiche è una via obbligata in un mondo rivolto alla trasformazione digitale. Innovazione tecnologica e digitalizzazione si confermano leve prioritarie per lo sviluppo”.

Il calo di ottobre 2019 conferma la debolezza del settore. Anche a settembre si era registrata una sostanziale stabilità dei livelli di attività industriale (-2,2% la corrispondente variazione nella media del manifatturiero nazionale).

“Le tecnologie Anie sono strategiche per lo sviluppo di un’economia circolare e sostenibile e centrali nell’implementazione degli investimenti green per il sostegno dell’industria italiana” il commento di Busetto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

G
giuliano busetto

Aziende

A
Anie

Approfondimenti

E
elettronica
E
elettrotecnica

Articolo 1 di 3