BT Italia, Gianluca Cimini nuovo amministratore delegato

Il manager, in azienda dal 2010, subentra a Corrado Sciolla, promosso President BT Global Services in Europa e America Latina. Obiettivo crescita per il nuovo Ad: “E’ la sfida principale in un contesto economico europeo ancora difficile”

11 Set 2013

Gianluca Cimini ( 43 anni) è il nuovo amministratore delegato di BT Italia, la realtà italiana di BT (British Telecom) che, dal 1995, offre servizi di comunicazione alle imprese e alla pubblica amministrazione nel nostro Paese. Cimini nel nuovo ruolo riporterà direttamente a Corrado Sciolla, ex ad di BT Italia, promosso a febbraio President BT Global Services per le attività in Europa e in America Latina.

L’avvicendamento al timone di BT Italia arriva nel quadro della promozione di Corrado Sciolla, che negli ultimi mesi ha tenuto ad interim le redini delle attività italiane. La nomina di Cimini è stata ufficializzata all’inizio di agosto.

Commentando la nomina, Gianluca Cimini ha dichiarato: “In un contesto economico europeo ancora difficile e in uno scenario di mercato Ict a crescita zero, la sfida principale è quella di tornare a crescere, sia acquisendo nuovi clienti, sia offrendo a quelli che già abbiamo le soluzioni di un portfolio completo come quello di BT. BT Italia continua ad essere il partner ideale per le aziende italiane, anche in un momento particolare come l’attuale, in cui le tante eccellenze italiane cercano l’affermazione sui nuovi mercati e necessitano di focalizzare tutti gli sforzi sul proprio core business, delegando a un partner affidabile e innovativo come BT le comunicazioni aziendali”.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

Laureato in Economia e Commercio presso l’Università “La Sapienza” di Roma, Cimini ha conseguito un Master in Business Administration in Gran Bretagna e ha frequentato un Executive Course alla Harvard Business School.

In BT Italia dal 2010, vanta precedenti esperienze professionali in GE, Novartis, Fcc Group e Deloitte.