Capgemini oltre la crisi Covid: ricavi a +24%, traino da cloud e digitale - CorCom

LA TRIMESTRALE

Capgemini oltre la crisi Covid: ricavi a +24%, traino da cloud e digitale

Il fatturato del gruppo già superiore ai livelli pre-crisi si attesta a 4,2 miliardi di euro. A due cifre la crescita in Uk/Irlanda. Ripartono le assunzioni su larga scala

10 Mag 2021

Patrizia Licata

giornalista

Capgemini ha registrato ricavi di oltre 4,2 miliardi di euro nel primo trimestre del 2021, con un incremento del 24,2% anno su anno a tassi costanti e del +20,4% se si considerano le fluttuazioni nei cambi (risultato reported). La crescita riflette sia l’integrazione di Altran Technologies sia l’incremento a due cifre delle attività legate alle aree Digitale e Cloud. In base ai risultati del primo trimestre i ricavi del gruppo sono già superiori ai livelli pre-crisi.

Il ceo Ezzat: “Solido posizionamento sul cloud”

La multinazionale dei servizi di consulenza tecnologica ha sottolineato che lo lancio si è protratto per tutto lo scorso trimestre, con tassi di crescita annuali maggiori rispetto a quelli dei tre mesi precedenti (quarto trimestre 2020).

“Abbiamo messo a segno prestazioni eccellenti nel primo trimestre del 2021, con un ritorno alla crescita organica”, ha commentato Aiman Ezzat, ceo di Capgemini. “La crescita è stata più robusta di quanto previsto e l’attività ha persino sorpassato i livelli precedenti alla crisi sanitaria. Ciò riflette non solo un mercato più dinamico ma anche l’accelerazione nell’implementazione della nostra strategia. La performance è migliorata in tutte le geografie e in tutti i settori. Siamo solidamente posizionati su cloud e dati, i principali motori della trasformazione tecnologica e di business dei prossimi anni, che hanno alimentato la nostra crescita. Il primo trimestre è stato anche caratterizzato da un ritorno alle assunzioni su larga scala per rispondere alla domanda dei clienti. Dato questo contesto la nostra crescita nel 2021 dovrebbe superare il punto centrale del range indicato come obiettivo”, ha concluso Ezzat.

Europa e Usa tornano a crescere

A livello regionale, tornano alla crescita sia il Nord America (che rappresenta il 28% di ricavi di gruppo) sia il Resto d’Europa (31% dei ricavi totali; esclude la Francia, che è in timida ripresa). A doppia cifra la crescita dei ricavi nell’area Regno Unito e Irlanda (12% dei ricavi di Capgemini).

A livello di settori, in ripresa il manufacturing (25% dei ricavi di gruppo) con una flessione contenuta; in crescita a due cifre il settore pubblico (che rappresenta il 14% dei ricavi totali). Torna a ritmi di crescita robusti il segmento beni di consumo (12% dei ricavi).

Quanto alle divisioni di Capgemini, i servizi di consulenza Strategy & Transformation (che sono il 7% dei ricavi di gruppo) e i servizi Applications & Technology (62% dei ricavi totali e core business di Capgemini) sono tornati alla crescita nel primo trimestre 2021. I servizi Operations & Engineering (31% dei ricavi di gruppo) sono in ripresa, con una contrazione contenuta grazie alla crescita dei seevizi di infrastruttura cloud.

Il nuovo brand Capgemini Engineering

Capgemini ha annunciato un mese fa Capgemini Engineering, un nuovo brand che riunisce una gamma di competenze in ambito Engineering e R&D. Grazie alla conoscenza dei settori industriali e delle tecnologie d’avanguardia in ambito digitale e software, “Capgemini Engineering supporterà le organizzazioni in un momento in cui mondo fisico e digitale convergono”, si legge in una nota del gruppo. “La global business line, che può contare su 52.000 professionisti e una presenza in tutti i principali engineering hub del mondo, segna l’integrazione di Altran, a un anno dalla sua acquisizione da parte di Capgemini”. I servizi della global business line coprono tre settori chiave: product and systems engineering, digital and software engineering e industrial operations.

Capgemini a Telco per l’Italia 2021

PER ISCRIVERSI CLICCARE QUI

13 maggio ore 17 – Il 5G alla prova dei fatti, quanto vale la partita italiana

La quinta generazione mobile una rivoluzione senza precedenti: dal manufacturing alla sanità, dai trasporti alla cultura, tutto è destinato a cambiare. Ma il cantiere Italia procede al ralenti: come accelerare?

17.00 Mila Fiordalisi, Direttore CorCom

17.05 Alessandro Gropelli, General Director of Strategy & Communications Etno

  1. 15 Dibattito con il player di mercatoModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

Sabrina Baggioni, Direttore programma 5G Vodafone Italia

Alessio De Sio, Chief Institutional and Communication Officer Zte Italia

Riccardo Mascolo, Direttore Strategia e 5G per le industrie Ericsson Italia

Massimo Mazzocchini, Deputy General Manager Huawei Italia

Luca Monti, 5G & Iot Project Director WindTre

Antonio Morabito, Responsabile Marketing Enterprise Market Tim

Alessio Murroni, VP Sales Europe Cambium Networks

Claudio Santoianni, Marketing & Corporate Affairs Nokia Italia

Gea Smith, Telecoms, Media & Technology Director di Capgemini Italia

18.15 Laura Di Raimondo, Direttore Asstel

18.30 – Dibattito con i politiciModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

Enza Bruno Bossio, Deputata Partito Democratico, Commissione trasporti e Tlc Camera

Massimiliano Capitanio, Deputato Lega, Commissione Trasporti e Tlc Camera

Maurizio Gasparri, Senatore Forza Italia

Mirella Liuzzi, Deputata Movimento 5Stelle, Commissione Trasporti e Tlc Camera

Federico Mollicone, Deputato e Responsabile Innovazione Fratelli d’Italia

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
capgemini

Approfondimenti

C
Cloud
D
digitale
T
telco per l'italia 2021