IL DISCO VERDE FINALE

Caricabatterie unico, ok definitivo dell’Ue: la svolta dal 2024

Approvata dal Consiglio la direttiva che renderà la porta Usb-C l’unica consentita per i dispositivi elettronici come telefoni cellulari, tablet, fotocamere e cuffie. Dalla primavera 2026 l’obbligo si estenderà ai computer portatili

24 Ott 2022

Veronica Balocco

Caricabatterie unico
fonte: europarl.europa.eu

E’ ufficiale: dal 2024 la porta Usb-C sarà l’unica consentita in Europa per i caricatori di dispositivi elettronici come telefoni cellulari, tablet, fotocamere e cuffie. La direttiva, cui il Parlamento europeo aveva già dato un primo via libera mesi fa, è stata definitivamente approvata dal Consiglio Ue, il quale ha stabilito così che in futuro non sarà più necessario acquistare un caricabatterie diverso ogni volta che si acquista un nuovo cellulare o dispositivo simile: tutti utilizzeranno lo stesso caricabatterie.  Dalla primavera 2026, l’obbligo si estenderà ai computer portatili.

Il testo adottato ricalca l’accordo raggiunto dai colegislatori lo scorso giugno. Dopo essere stato firmato dalla presidente del Parlamento europeo e dal presidente del Consiglio, sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione. Le nuove regole inizieranno ad applicarsi 24 mesi dopo l’entrata in vigore.

Sarà possibile acquistare i device con o senza caricatore

Affinché i consumatori sappiano esattamente cosa stanno acquistando, la direttiva introduce anche un pittogramma che specifica se un nuovo dispositivo viene fornito con un caricabatterie e un’etichetta che indica le prestazioni di ricarica. La direttiva consente inoltre ai consumatori di scegliere se acquistare un nuovo dispositivo con o senza caricatore. “Ciò non solo farà risparmiare denaro ai consumatori, ma ridurrà anche i rifiuti elettronici associati alla produzione, al trasporto e allo smaltimento dei caricabatterie”, evidenzia il Consiglio. Quattro anni dopo l’entrata in vigore della direttiva, la Commissione valuterà se questa disaggregazione delle vendite debba essere resa obbligatoria.

WHITEPAPER
Conversational e Customer Experience: come si fa la differenza?
Software
Telco

Verso l’armonizzazione della ricarica wireless

Sebbene stia diventando più popolare, la ricarica wireless non è stata ancora armonizzata tra i dispositivi. Per consentire a questa tecnologia di diventare disponibile per più dispositivi, la Commissione lavorerà all’armonizzazione delle regole per la ricarica senza fili per i dispositivi elettronici e all’interoperabilità basata sugli sviluppi tecnologici. Le nuove regole si applicheranno a un’ampia gamma di dispositivi portatili: cellulari; tablet ed e-reader; fotocamere digitali e console per videogiochi; cuffie, auricolari e altoparlanti portatili; mouse e tastiere wireless; sistemi di navigazione portatili. Inoltre, anche tutti i laptop saranno coperti dalle nuove regole 40 mesi dopo l’entrata in vigore della direttiva.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5