Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

HATE SPEECH

Carta di identità per aprire un account social, Italia Viva vuole una legge

Il deputato Luigi Marattin accoglie la proposta del regista Gabriele Muccino e annuncia: “Pronti a lavorare da subito”. Endorsement dai senatori Pd. Su Facebook e Twitter utenti in rivolta

29 Ott 2019

F. Me

Una proposta di legge che “obblighi chiunque apra un profilo social a farlo con un valido documento d’identità”. E’ l’iniziativa che il deputato di Italia Viva Luigi Marattin annuncia stamattina su Twitter raccogliendo l’idea del regista Gabriele Muccino.

Il responsabile economico Iv si dice d’accordo con il regista, proponendo che si apra un profilo social con la carta d’identità e “poi prendi il nickname che vuoi (perché è giusto preservare quella scelta) ma il profilo lo apri solo così”. Immediata la reazione contraria di molti utenti social ma Marattin insiste: “Si arrabbiano quando annunci di voler fare qualcosa per impedire che il web diventi la fogna che è diventato ma si mettano l’animo in pace, il limite è superato ed è ora di agire”.

La proposta di Muccino è stata raccolta anche dai senatori Pd.”La commissione contro l’odio sarà la sede giusta per verificare con gli operatori dei social l’opportunità di legare l’apertura di account ad un documento di identità – preannunciano Dario Stefano, Luciano D’Alfonso, Daniele Manca e Francesco Verducci – La necessità di istituire rapidamente una commissione parlamentare sull’odio – sottolineano – è fortemente collegata all’esigenza di trovare strumenti più efficaci per impedire il proliferare di insulti che spesso vengono lanciati da profili anonimi e difficilmente tracciabili. la proposta di Muccino è un modo intelligente per arginare questi abusi”.

Cauto il deputato dem Antonello Giacomelli. “Sarei molto cauto sulla idea di una norma che obblighi chiunque apra un account social a fornire un documento di identità – spiega – Sia in termini di principio, sia per controindicazioni non facili da superare sia per la dubbia efficacia verso gli obiettivi che si vogliono centrare”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

L
luigi marattin

Approfondimenti

F
facebook
S
social network
T
twitter

Articolo 1 di 5