Cloud e 5G spingono l'Ict in Italia: mercato a +4,2% - CorCom

IL REPORT

Cloud e 5G spingono l’Ict in Italia: mercato a +4,2%

ll comparto delle tecnologie di ultima generazione da solo cresce del 6,8% e traina gli investimenti delle imprese, anche per effetto della pandemia che ha accelerato la digital transformation. Soffre l’IT “tradizionale” (-0,5%)

25 Mar 2021

Patrizia Licata

giornalista

Il mercato delle tecnologie Ict e digitali in Italia cresce a due velocità, con un calo del comparto It tradizionale e una forte spinta dalle tecnologie digitali più innovative. Complessivamente l’intero settore ha perso lo 0,1% nel 2020 e crescerà del 4,2% nel 2021, ma l’It da solo ha segnato un -2,8% nel 2020 e arretrerà dello 0,5% quest’anno. Al contrario, il mercato delle nuove tecnologie digitali (come cloud, collaboration, Ai, machine learning, 5G, IoT, blockchain) è cresciuto del 2,5% nel 2020 e crescerà ancora del 6,8% quest’anno.

È quanto evidenziano i risultati della Digital business transformation survey di The Innovation Group, società italiana di servizi di consulenza e di ricerca di mercato indipendente. 

Le stime quantitative vengono confermate dalla survey realizzata nei primi mesi del 2021 da The Innovation Group su un campione di executive appartenenti a oltre 180 imprese italiane di tutte le dimensioni.

Il Covid ha accelerato la digital transformation

Tra i principali trend che emergono e caratterizzano la fase di positiva transizione del mercato digitale nel nostro Paese si evidenzia come l’emergenza sanitaria sia stata un fattore determinante per l’accelerazione della digital transformation. Il 49% delle imprese intervistate ha confermato che l’emergenza ha portato a un’accelerazione della trasformazione digitale del loro business.

WEBINAR
[WEBINAR, 13 maggio] - Una piattaforma per aiutare a crescere e migliorare le esigenze dei dipendent
Networking
Risorse Umane/Organizzazione

Questa accelerazione si conferma come tendenza strutturale all’incremento degli investimenti in nuove tecnologie digitali anche per il 2021: il 43% degli intervistati prevede infatti un incremento del budget Ict per l’anno corrente rispetto al 2020, mentre il 28% prevede un budget pressoché stabile.

Le priorità segnalate dalle aziende hanno a che fare con la disruption causata dalla pandemia, che ha richiesto una migliore efficienza operativa e riduzione dei costi, e allo stesso tempo maggiore agilità e flessibilità dei modelli di business: priorità che hanno potuto essere soddisfatte nelle nuove condizioni solo grazie all’incremento degli investimenti in nuove tecnologie digitali.

Più investimenti in sostenibilità

Altro trend evidenziato è quello che riguarda gli investimenti in sostenibilità e il nuovo ruolo delle Pmi come guida del cambiamento.

Il 47 % delle aziende, in particolare le Pmi operanti nell’ambito di Industria e servizi, prevede un aumento del budget aziendale dedicato ad attività e progetti sostenibili, sia per la maggiore consapevolezza del management della necessità di promuovere investimenti virtuosi, sia per la coscienza della potenziale profittabilità di tali investimenti, sia per la prevista disponibilità di risorse e incentivi previsti dal Recovery Fund a partire dalla seconda metà dell’anno.

Le dinamiche degli investimenti in Ict segnalano alcuni trend di crescita significativa e costante tra l’anno scorso e quello corrente nelle aree della collaboration, del cloud, della sicurezza e del software per workflow management.

Si continuerà ad investire anche in desktop, notebook e smartphone, ma a ritmi ridotti rispetto all’anno scorso, in cui si è verificata una grande domanda alimentata dall’esigenza di fornire tempestivamente strumenti di lavoro a domicilio per lo smart working.

Le principali iniziative per la funzione Ict nel 2021

Secondo gli It manager intervistati, le principali iniziative per la funzione Ict nel 2021 saranno nelle tre aree Security/continuity/risk management; smart working/digital workspace; strategia cloud/multicloud.

Per quanto riguarda il cloud, allo stato attuale si preferiscono soluzioni ibride e multicloud (tendenza che si accentuerà tra 3 anni). Fra 3 anni si prevede, inoltre, la virtuale scomparsa delle soluzioni on-premise.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

Ad oggi, il 75% delle aziende intervistate dichiara una presenza molto marginale dell’Ai nelle proprie strategie di innovazione digitale, confinata ad applicazioni di Customer service a minore contenuto tecnologico (chatbot, call center). Un fenomeno che però si modificherà radicalmente tra 5 anni, quando tutto il campione ha dichiarato di prevedere di utilizzare tali soluzioni, la maggior parte (75%) in maniera considerevole.

Il cambiamento culturale per la digital transformation

Negli ultimi anni, il tema del change management si è dimostrato sempre di più chiave di successo dei percorsi di trasformazione: un’azienda su due (più del 40% dell’anno scorso) lo indica oggi come il principale aspetto critico, da tenere in considerazione se si vuole cambiare. La pandemia ha sicuramente favorito una migliore accettazione delle novità da parte delle persone, ma rimane il fatto che non basta introdurre una nuova tecnologia, bisogna accompagnarla con una revisione dei processi – un cambiamento di mindset – un ripensamento delle attività se si vuole veramente favorire il cambio di passo.

Spinta al mercato digitale anche dal Recovery fund

“L’andamento del mercato digitale nel 2020 segna una profonda discontinuità con i trend registrati negli ultimi 20 anni. In precedenza, infatti, il mercato Ict aveva registrato un andamento sostanzialmente ciclico, ovvero l’indice tendeva a sovra-performare il tasso di crescita del Pil negli anni in cui questo aumentava e a sotto-performarlo quando questo era in flessione”, dichiara Roberto Masiero, Presidente di The Innovation Group.La crisi pandemica ha introdotto invece un brusco cambiamento: mentre molti altri settori hanno sofferto drammaticamente, portando il Pil a una flessione vicina al 9%, il mercato hitech ha reagito in modo inverso, con forti incrementi nei settori delle nuove tecnologie digitali (mobile, cloud, collaboration) legate allo smart working, che hanno compensato la flessione strutturale delle tecnologie tradizionali. Ci attendiamo quindi che, anche sotto l’effetto delle nuove risorse addizionali iniettate dal Recovery fund, il mercato digitale continuerà a crescere a ritmi sostenuti per i prossimi tre anni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4