L'OUTLOOK

Cloud pubblico, nel 2023 crescita record: +20,7% per un giro d’affari di 592 miliardi

Secondo stime di Gartner l’Infrastructure-as-a-service registrerà la maggiore impennata, quasi del 30%. “La migrazione non si fermerà, la nuvola continuerà a essere un bastione di sicurezza e innovazione”

31 Ott 2022

Veronica Balocco

Schermata 2022-10-31 alle 12.44.48

La spesa mondiale degli utenti finali per i servizi cloud pubblici crescerà del 20,7% nel 2023, per raggiungere un totale di 591,8 miliardi di dollari rispetto ai 490,3 del 2022: un valore superiore alla previsione che si attestava al 18,8%. Lo affermano le ultime previsioni di Gartner, secondo cui nel 2023 l’Infrastructure-as-a-Service (IaaS) registrerà la più alta crescita della spesa, sino al 29,8%.  Ma tutti i segmenti dovrebbero vedere una crescita durante l’anno.

“Le attuali pressioni inflazionistiche e le condizioni macroeconomiche stanno avendo un effetto push and pull sulla spesa per il cloud”, afferma Sid Nag, vicepresident analyst di Gartner. “Il cloud computing continuerà a essere un bastione di sicurezza e innovazione, supportando la crescita in tempi incerti grazie alla sua natura agile, elastica e scalabile. Tuttavia, le organizzazioni possono spendere solo ciò che hanno. La spesa per il cloud potrebbe diminuire se i budget IT complessivi si riducono, dato che il cloud continua a essere la parte più grande della spesa IT”.

Una migrazione che non si arresta

“La migrazione al cloud non si ferma”, chiarisce Nag. “L’IaaS continuerà naturalmente a crescere man mano che le aziende accelereranno le iniziative di modernizzazione dell’IT per ridurre al minimo i rischi e ottimizzare i costi. Lo spostamento delle operazioni nel cloud riduce anche le spese in conto capitale estendendo gli esborsi di cassa per un periodo di abbonamento, un vantaggio chiave in un ambiente in cui i contanti possono essere fondamentali per mantenere le operazioni”.

WHITEPAPER
Report Gartner: guida all’innovazione dell’analisi con la composizione in cloud
Cloud
Cloud storage

Su PaaS e SaaS i maggiori impatti dell’inflazione

Gartner prevede che PaaS e Software-as-a-Service (SaaS) subiranno gli impatti più significativi dell’inflazione a causa delle sfide in termini di personale e di sforzi per la loro protezione. Tuttavia, entrambi i segmenti vedranno ancora una crescita continua, con Gartner che prevede una crescita del 23,2% per PaaS e del 16,8% per SaaS nel 2023.

“Per sviluppare moderne applicazioni SaaS è necessario personale con salari più elevati e più qualificato, quindi le organizzazioni saranno messe alla prova poiché le assunzioni vengono ridotte per controllare i costi”, spiega Nag. “Ma poiché il PaaS può facilitare una generazione di codice più efficiente e automatizzata per le applicazioni SaaS, il tasso di consumo di PaaS aumenterà di conseguenza”. In tutto questo, “nonostante la crescita, la redditività e le pressioni della concorrenza, la spesa per il cloud continuerà attraverso l’utilizzo perpetuo di questa tecnologia”, aggiunge.

Una volta che le applicazioni e i carichi di lavoro passano al cloud, generalmente rimangono lì e i modelli di abbonamento assicurano che la spesa continui per tutta la durata del contratto e molto probabilmente ben oltre. Per questi fornitori, la spesa per il cloud è una rendita”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
gartner

Approfondimenti

C
Cloud
C
cloud storage
D
Digital transformation

Articolo 1 di 5