Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Cloud, investimenti a +37,6%. Gli analisti: “Operazione Ibm-Red Hat può sparigliare le carte”

Secondo le rilevazioni di Canalys resta in pole position Aws, seguita da Microsoft Azure e Google. Al quarto posto la cinese Alibaba. Ma la classifica potrebbe subire inaspettate modifiche

19 Ago 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

Gli investimenti in servizi per le infrastrutture cloud sono aumentati in un solo anno del 37,6% per un ammontare di 26,3 miliardi di dollari, alias 7,2 miliardi in più di giro d’affari. È quanto emerge dalle rilevazioni a firma di Canalys relative al secondo quarter del 2019.

Secondo la società di analisi Amazon Web Services continua dominare il mercato con il 31,5% di marketshare: al confronto con il corrispondente trimestre del 2018 l’azienda ha messo a segno un +36,1% per revenues che superano gli 8,3 miliardi di dollari. Ma è Microsoft Azure a registrare la più consistente crescita nel periodo pur mantenendosi a grossa distanza da Amazon: la piattaforma ha fatto un balzo in avanti del 63,6% per 5 miliardi di revenues. E ha accresciuto la propria quota di mercato del 2,9% raggiungendo una fetta del 18,1%. Al terzo posto Google Cloud che vanta il 9,5% di marketshare. La cinese Alibaba si piazza in quarta posizione.

“Nel 2019 la battaglia per la cloud migration si intensificherà fra i maggiori provider”, sottolinea Alastair Edwards, chief analyst di Canalys. “Le strategie relative al canale si stanno evolvendo in nome della crescita in particolare tenendo conto della progressiva adozione di piattaforme multicloud da parte della clientela”.

Microsoft considera l’adozione di Azure una priorità nell’ambito delle strategie dedicate ai partner. E non ha caso la società ha deciso di lanciare tutta una serie di nuovi incentivi per spingere la diffusione della propria piattaforma. Da parte sua Aws sta ampliando la rete di partner a livello globale focalizzandosi in particolare sulla migrazione ad Aws dei flussi di lavoro Windows. Google ha lanciato a luglio il nuovo programma Partner Advantage che mira ad una massiccia “campagna” di recruitment di partner di canale per spingere l’adozione del cloud in sei principali mercati verticali: finanza, pubblica amministrazione, retail, sanità, manufacturing, media e entertainment. E a fine luglio ha raggiunto una partnership con Vmware dopo quelle che ha visto protagoniste Aws e Azure. “Microsoft resta leader a livello di canale cloud – evidenzia Edwards – ma dovrà bilanciare costi e servizi. I concorrenti non hanno a carico il peso delle strutture di legacy e dunque sono molto più snelli nelle procedure di recruitment dei partner”. Secondo Canalys Ibm si gioca in questo momento l’opportunità di “rinverdire” il proprio business cloud considerato il completamento dell’acquisizione di Red Hat. Per gli analisti il merger sortirà un migliore posizionamento dei due brand in particolare nell’ambito delle strategie di hybrid cloud.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5