ROADMAP PNRR

Cloud nella PA, la smentita ufficiale: “Nessun ritardo su migrazione”

Il Dipartimento per la Trasformazione digitale mette a tacere le notizie di stampa in merito a un rallentamento del piano: “Prossimo target di fine marzo sarà pienamente raggiunto”

Pubblicato il 22 Mar 2023

butti

“In riferimento a quanto riportato da alcuni organi di stampa, si precisa che non vi è alcun ritardo nei finanziamenti del Pnrr sulla migrazione al cloud delle pubbliche amministrazioni locali. Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio ha già concluso, con aggiudicazioni effettuate, gli Avvisi pubblici previsti. Il prossimo target di fine marzo 2023 verrà pertanto ampiamente raggiunto entro i tempi stabiliti”: questa la nota diffusa dal Dipartimento per mettere a tacere le notizie stampa in merito a un rallentamento del piano.

200 milioni per la migrazione al cloud di Asl e ospedali

Nei giorni scorsi sulla piattaforma PA digitale 2026 è stato pubblicato l’avviso che consente a Asl e ospedali di richiedere l’accesso ai fondi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per migrare al cloud i propri dati e sistemi informativi. La dotazione finanziaria complessiva ammonta a 200 milioni di euro. Digitale deve diventare sinonimo di semplificazione, e per farlo occorre lavorare in maniera sinergica con tutti gli attori del territorio nazionale coinvolti nei processi di transizione digitale  – sottolinea Alessio Butti, sottosegretario di Stato con delega all’Innovazione tecnologica – Grazie a questo nuovo avviso mettiamo a disposizione 200 milioni di euro per incentivare le strutture sanitarie a un cambio di passo nella gestione dei dati e degli applicativi in loro possesso, valorizzando le competenze dell’ecosistema digitale italiano, a partire dalle eccellenze regionali fino al Polo Strategico Nazionale”.

Consip attiva i contratti per i servizi applicati: valore 3,2 miliardi

Da parte sua Consip ha completato l’offerta nell’ambito dell’accordo quadro “Servizi applicativi in ottica cloud e Pmo ed. 2”, che mette a disposizione delle pubbliche amministrazioni contratti “pronto all’uso” del valore complessivo di 3,2 miliardi utilizzabili anche per gli acquisti finalizzati alla realizzazione dei progetti del Pnrr.

Il nuovo lotto 2, dedicato ai servizi di demand & Pmo e inquadrato nell’ambito del Piano delle gare strategiche Ict definito da Agid e Dipartimento per la trasformazione digitale, è rivolto in particolare alle Pa centrali, con l’obiettivo di fornire servizi digitali incentrati sui cittadini e sulle imprese e di favorire la cittadinanza digitale, semplificando e armonizzando la relazione tra le PA, sostenendo la migrazione al cloud e promuovendo l’interoperabilità tra i sistemi pubblici.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4