I data center Tim e il cloud Google: Intesa Sanpaolo new digital company - CorCom

LA PARTNERSHIP

I data center Tim e il cloud Google: Intesa Sanpaolo new digital company

Siglato il Memorandum of understanding per l’avvio del progetto. Le due “Region” di Torino e Milano saranno gli hub di riferimento. In vista anche la creazione di un centro per l’intelligenza artificiale per sostenere le startup

21 Mag 2020

L. O.

Data center di Tim e cloud di Google per l’innovazione di Intesa Sanpaolo. E’ l’obiettivo del Memorandum of Understanding firmato oggi, che segna l’avvio delle trattative per la creazione di due Region Cloud Google a Torino e Milano, che useranno i data center di Tim e su cui la banca costruirà i propri servizi digitali. L’istituto: “Trasformiamo Intesa Sanpaolo in una IT Digital Company“.

Il progetto prevede l’apertura a Torino di una nuova infrastruttura tecnologica per l’erogazione dei servizi di Google Cloud, oltre che l’apertura di un importante centro dedicato all’intelligenza artificiale, alla formazione e al sostegno professionale delle startup attraverso iniziative da definirsi insieme tra Intesa Sanpaolo, Tim e Google Cloud.

Prevista inoltre la costruzione di un’altra Google Cloud Region a Milano per garantire la continuità operativa. Entrambe le Cloud Region verranno realizzate, fa sapere una nota, “secondo le più recenti best practice di sostenibilità ambientale e saranno carbon neutral, nel rispetto delle linee guida del Gruppo Intesa Sanpaolo”.

Spinta alla digitalizzazione del Sistema Italia

Il progetto, una volta raggiunto l’accordo tra le Parti su tutti i termini e le condizioni contrattuali, e ottenuto il clearing dalle Autorità competenti, consentirà a Intesa Sanpaolo di avvalersi delle tecnologie più moderne ritagliate sulle proprie esigenze.

I servizi di Google Cloud nelle Cloud Region saranno al servizio del Paese e delle imprese italiane di tutte le dimensioni che vorranno avvalersi dei vantaggi tecnologici ed economici del cloud computing in modo sicuro e sostenibile, dando un contributo decisivo all’accelerazione della digitalizzazione del Sistema Italia ancor più necessaria alla luce dell’emergenza Covid-19.

WEBINAR
Hai un Mainframe aziendale? Ecco come dotarsi delle giuste competenze
Big Data
Cloud

“Il Memorandum of Understanding siglato oggi punta a trasformare Intesa Sanpaolo in una IT Digital Company – dice Massimo Proverbio, Chief IT, Digital & Innovation Officer di Intesa Sanpaolo – capace di fornire a famiglie e imprese servizi altamente innovativi, improntati alla facilità d’uso e alla rapidità di esecuzione. La partnership forte con Tim e Google ci permetterà inoltre di proseguire con ulteriore slancio nella diffusione della cultura digitale del Gruppo. Con la realizzazione di due Region Cloud basate sulle più moderne tecnologie potremo valorizzare le nostre risorse e far crescere quelle di domani, anche grazie al supporto del Politecnico di Torino, per raggiungere importanti traguardi nella cloud technology e nell’intelligenza artificiale”.

Tecnologie per la ripartenza

“Un accordo importante, che pone le basi di una partnership di lunga durata per la creazione di un’infrastruttura all’avanguardia, il Cloud – dice Carlo D’Asaro Biondo, Executive Vice President Tim-Cloud Project –. Questa tecnologia rappresenta un nuovo settore ad altissime potenzialità per lo sviluppo dei servizi digitali delle imprese e lavorare con Intesa Sanpaolo porterà benefici alla banca, ai territori su cui si svilupperà l’accordo e all’intero Paese. Crediamo che mettere a sistema competenze e tecnologie, soprattutto in un momento delicato come quello attuale, sia il giusto approccio per uscire più forti dalla fase che stiamo vivendo”.

Secondo Fabio Fregi, Head of Google Cloud Italy “Google ha deciso di aprire due Cloud region in Italia per supportare le aziende italiane nella loro digitalizzazione e nella definizione delle opportunità di crescita future. Siamo felici di questo Memorandum of Understanding che dimostra come possiamo essere partner strategici dei principali attori del settore finanziario e delle telecomunicazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4