IL PIANO

Microsoft battezza la Cloud Region Partner Alliance: focus su cybersicurezza e formazione

Accenture, Avanade, Cluster Reply, Engineering, Kyndryl, TeamSystem e Var Group già a bordo; presto altre adesioni per affiancare le imprese italiane con tecnologie e competenze per la transizione digitale e green e fornire sostegno ai progetti del Pnrr

29 Mar 2022

Patrizia Licata

giornalista

cloud1

Microsoft Italia ha avviato il progetto “Ambizione Italia Cloud region partner alliance” mettendo il suo ecosistema di partner al centro dello sviluppo della Microsoft Data Center region italiana. L’iniziativa punta ad accelerare la trasformazione digitale del Paese, supportando le organizzazioni pubbliche e private nel percorso di innovazione, grazie a servizi cloud locali, in grado di sfruttare gli investimenti del Pnrr. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza mette infatti a disposizione 191,5 miliardi di euro di fondi, di cui oltre la metà potenzialmente collegati a soluzioni cloud e digitali.

Accenture, Avanade, Cluster Reply, Engineering, Kyndryl, TeamSystem e Var Group sono i partner chiave a bordo dell’iniziativa, che nei prossimi mesi accoglierà anche il contributo di altre aziende attive in Italia nel settore dell’economia digitale. L’obiettivo è di promuovere in modo sempre più capillare l’innovazione sul territorio a partire da servizi cloud locali a bassa latenza per un accesso rapido e sicuro ai dati e scenari di condivisione che si propongono di soddisfare le esigenze di ogni settore industriale.

“Ambizione Italia”: 1,5 miliardi in tecnologia e formazione

L’avvio della prima Regione Cloud di Microsoft in Italia (a Milano) si colloca all’interno del più ampio piano quinquennale “Ambizione Italia” annunciato nel 2020 per sostenere la crescita del Paese attraverso 1,5 miliardi di dollari di investimento in tecnologia e formazione. La Regione cloud italiana entrerà a far parte del network globale di datacenter Azure che conta oltre 60 regioni, 200 datacenter, 4 milioni di server e 190 Edge Zone.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

In questo quadro le aziende dell’ecosistema entrate nell’Ambizione Italia Cloud Region Partner Alliance si impegneranno per aiutare le aziende italiane a dare avvio a progetti d’innovazione, semplificando l’accesso a servizi cloud locali con il beneficio di una rete internazionale e con massime garanzie di data sovereignty, cybersecurity e compliance.

L’ecosistema di partner al servizio delle imprese italiane

I partner stessi saranno pionieri, migrando le proprie attività e i propri servizi sul Microsoft Cloud abilitato dalla Regione italiana in sviluppo, potendo così offrire soluzioni affidabili e certificate a supporto del percorso di crescita delle organizzazioni italiane e con il vantaggio di far risiedere i dati in territorio italiano e di capitalizzare le oltre 90 certificazioni del Cloud di Microsoft, la conformità al Gdpr e l’investimento di oltre un miliardo di dollari all’anno in cybersecurity.

Come spiega la nota per i media, Accenture, Avanade, Cluster Reply, Engineering, Kyndryl, TeamSystem e Var Group svilupperanno insieme a Microsoft una strategia comune e iniziative e programmi di mercato utili a raggiungere le organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore in Italia, aiutandole a cogliere i benefici del digitale. Un impegno che si concretizzerà anche con l’avvio di un piano condiviso di formazione e risorse dedicate per le aziende, volto a promuovere la diffusione di una cultura digitale funzionale alla crescita del Paese.

Focus su formazione e transizione green

In questa logica è fondamentale il ruolo dei professionisti Ict e per questo i dipendenti dei partner dell’alleanza verranno coinvolti in un ampio programma di training e certificazioni con l’obiettivo di favorirne l’upskilling e l’attestazione professionale per trasformarli in consulenti riconosciuti, in grado di guidare le scelte d’innovazione delle imprese italiane e di accompagnarle nel proprio percorso verso il cloud, contribuendo anche a progetti in linea con le sei missioni del Pnrr.

L’alleanza si inserisce anche nell’impegno di Microsoft per creare una filiera di innovazione in Italia attraverso la propria rete di partner, cresciuta del 30% negli ultimi 3 anni e che conta oggi più di 14.000 Partner con oltre 400.000 professionisti della trasformazione digitale. I partner condividono con Microsoft l’obiettivo di creare una crescita equa e sostenibile nel Paese: l’iniziativa Partner Pledge – che conta oggi 52 partner italiani – ha l’obiettivo di individuare nuove soluzioni e progetti congiunti in ambito sostenibilità, sviluppo competenze digitali, inclusione & diversità ed etica in Ai, in grado di supportare lo sviluppo sociale e green dell’Italia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4