CLOUD

Polo strategico nazionale, la Corte dei Conti: “Stringere i tempi”

Approvato dai giudici contabili il rapporto sulle infrastrutture digitali finanziato dal Pnrr con 900 milioni. Rispettato finora il cronoprogramma. Ma per il collaudo, avverte la Corte, “rimangono soltanto 3 mesi”

05 Ago 2022

L. O.

multicloud

Ci siamo. La Corte dei Conti approva, con Delibera n. 33/2022/G, il rapporto sulle “Infrastrutture digitali”, intervento finanziato nell’ambito del Pnrr con 900 milioni di euro, per il consolidamento e la razionalizzazione dei siti e delle infrastrutture digitali del Paese.

Al centro del progetto la creazione del “Polo strategico nazionale” come infrastruttura ad alta affidabilità. Ma attenzione, avvertono i giudici contabili: i tempi stringono. Se il cronoprogramma fin qui è stato rispettato, “per il collaudo rimarranno soltanto 3 mesi”.

Il timing del Polo strategico nazionale

Il Polo è articolato in quattro data center ad elevato standard qualitativo sul versante della sicurezza (anche sul fronte sismico, idrogeologico e terroristico), della capacità elaborativa, dell’interoperabilità europea e dell’efficienza energetica.

WHITEPAPER
Industry 4.0 con IoT e RTLS: tra sfide e vantaggi!
IoT
Supply Chain Management

I centri, distribuiti in due Regioni italiane, ospiteranno i dati e i servizi strategici delle pubbliche amministrazioni centrali, locali e delle strutture sanitarie, per la successiva migrazione delle informazioni e degli applicativi informatici di ogni singola PA verso un ambiente cloud. L’obiettivo prevede la migrazione dei dati di almeno 100 amministrazioni per settembre 2024 e un target finale di 280 entro giugno 2026.

Il monito dei giudici contabili: accelerare

Dall’analisi svolta – ha osservato la Corte – è emerso che il programma, con l’aggiudicazione del relativo bando, ha rispettato finora le scadenze previste, “mentre il cronoprogramma del secondo semestre 2022 – si legge nel documento – si rivela particolarmente impegnativo solo ove si consideri che, dopo la stipula del contratto, rimarranno soltanto 3 mesi per il definitivo collaudo dell’infrastruttura”.

La realizzazione e la gestione del Psn sono in corso di affidamento all’operatore economico costituito dal raggruppamento Sogei, Leonardo, Cdp Equity e Tim (che, in qualità di soggetto promotore ha esercitato il diritto di prelazione previsto dalla procedura di partenariato pubblico privato, garantendo le medesime condizioni offerte dall’aggiudicatario) in luogo dei precedenti aggiudicatari della gara – al 23 giugno 2022 – Aruba e Fastweb.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5