Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANNUNCIO

Retelit battezza il markeplace del multicloud. Protto: “E’ una prima italiana”

Nello store online dedicato alle aziende disponibili le principali piattaforme. E grazie alla rete di partner sarà possibile portare avanti progetti nel campo dei big data, dell’IoT e dell’artificial intelligence

06 Set 2019

M. F.

Un marketplace del multicloud. Anzi, il marketplace italiano per eccellenza del multicloud. Così Retelit annuncia il battesimo della piattaforma  – raggiungibile all’indirizzo multicloud.retelit.it – in cui le aziende italiane potranno trovare un ricco catalogo di prodotti e soluzioni, da quelle infrastrutturali alle virtual app in chiave Infrastructure as a Service, ma anche Platform e Software as a Service. E grazie alla nutrita rete dei partner il “menu” propone anche soluzioni e servizi in tema di Security, Networking, Analytics, Big Data, E-commerce. Un ecosistema che consente l’integrazione con i più importanti Public Cloud come AWS e Azure e permette di sviluppare progetti innovativi in ambito Big Data, Sap Hana, IoT e Artificial intelligence.

“In un mercato come quello attuale, pervaso da soluzioni di cloud Privato o virtualizzate con pochi e rari provider di public cloud infrastrutturale” – sottolinea l’Ad di Retelit, Federico Protto -. Retelit si differenzia proponendo la prima vera e propria soluzione di public cloud italiano, erogata su due data center in Italia, che integra in logica end-to-end soluzioni di cloud Ibridi, che comprendono servizi cloud nei data center, outsourcing tradizionale di infrastrutture, cloud Pubblici erogati da fornitori leader come Amazon Web Services e Microsoft Azure. È un cambio di approccio volto a ottenere il miglior equilibrio tra costi e funzionalità offerte, con una prospettiva nuova, che mette i servizi al centro della strategia IT, superando la logica a silos”.

Il Multicloud di Retelit è sviluppato in Openstack, software libero e open source originariamente creato da Nasa e Rackspace Cloud e permette ai clienti di beneficiare di un ambiente aperto, estremamente flessibile e scalabile, in cui il rischio di vendor lock-in è eliminato. La gestione di macchine e risorse è assolutamente dinamica e sfrutta al massimo la logica on-demand, pay-per-use e as-a-service. In base alle esigenze, è possibile pianificare la combinazione ideale, gestire i picchi di carico e modulare un Data Center Software Defined scalabile, performante e ibrido.

Per le aziende che gestiscono applicazioni containerizzate, la piattaforma Retelit mette a disposizione la suite Cloud Container Engine (CCE), una soluzione ad alte prestazioni e affidabilità che utilizza applicazioni e strumenti nativi di Docker e Kubernetes per configurare e gestire l’ambiente di runtime del contenitore sul cloud.

“Il cloud ha avuto un impatto profondo sui player del settore Ict: non si limita solo ad abilitare una nuova linea di offerta, ma può cambiare radicalmente il modello di business delle aziende che lo introducono, innovando le modalità di relazione con i clienti e i modelli di ricavo, per questo abbiamo integrato nel nostro Multicloud una rete di partner specializzati che consentono ai nostri clienti di sviluppare progetti sempre più avanzati di digital transformation”, conclude Luca Cardone, Marketing manager di Retelit.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

F
Federico Protto

Aziende

R
Retelit

Approfondimenti

C
Cloud
H
hybrid cloud
M
multicloud
P
public cloud

Articolo 1 di 4