Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ISTRUZIONE

Confindustria, più istruzione fa aumentare Pil, +15% in 10 anni

Centro studi Confindustria: studiare rafforza la possibilità di trovare un lavoro. Il tasso di occupabilità tra i laureati è del 40% più alto rispetto a quello dei diplomati, anche se l’università italiana “resiste alle riforme e ai cambiamenti”

28 Mar 2014

Lorenzo Forlani

L’aumento in 10 anni del grado di istruzione italiano al livello dei paesi più avanzati fa innalzare il Pil fino al 15% in termini reali, cioè 234 miliardi, con un guadagno di 3.900 euro per abitante. E’ quanto stima il Centro studi di Confindustria, a margine del convegno biennale ‘Il capitale sociale e umano: la forza del Paese’ tenutosi nella cornice del Teatro Petruzzelli di Bari.

Secondo il Csc studiare rafforza la possibilità di trovare un lavoro: il tasso di occupabilità tra i laureati è del 40% più alto rispetto a quello dei diplomati, anche se l’università italiana “resiste alle riforme e ai cambiamenti”. La scuola invece “non è immobile e immutabile” e reagisce meglio al cambiamento sociale ed economico, afferma il Csc. “Studiare conviene anche in Italia – conclude il centro studi degli industriali – ed è molto importante la collaborazione tra mondo dell’istruzione e imprese”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
confindustria
C
csc
I
istruzione
P
pil

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link