Cybersecurity, Leonardo-Finmeccanica a difesa della PA - CorCom

LA GARA

Cybersecurity, Leonardo-Finmeccanica a difesa della PA

L’azienda è a capo del raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato la fornitura da 600 milioni per i servizi di sicurezza digitale. Dell’Rti fanno parte anche Ibm Italia e Fastweb. Mauro Moretti: “Avremo un ruolo chiave nella digital transformation”

30 Giu 2016

A.S.

A vincere la gara per la fornitura di servizi di sicurezza digital per la pubblica amministrazione è stati il raggruppamento temporaneo di imprese guidato da Leonardo-Finmeccanica. L’aggiudicazione è avvenuta attraverso Consip, la centrale nazionale acquisti della Pubblica Amministrazione italiana. L’importo complessivo della fornitura è pari a 600 milioni di Euro, la quota parte di Leonardo, mandataria del Rti che vede la partecipazione di Ibm Italia e Fastweb, ammonta a circa 250 milioni di Euro.

“Siamo estremamente soddisfatti di essere stati selezionati per accompagnare la Pubblica Amministrazione nel processo di trasformazione previsto dall’Agenda Digitale italiana e dal documento di Strategia per la Crescita digitale del Governo – afferma Mauro Moretti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Leonardo-Finmeccanica – Il ruolo di Leonardo sarà centrale per tutte le fasi del progetto, considerato il ruolo chiave della componente di sicurezza nelle transazioni con la Pubblica Amministrazione, a garanzia dell’integrità e dell’autenticità dei dati. Il nostro successo è basato sul continuo sviluppo di forti competenze nei servizi di cyber security e sulle significative esperienze maturate nell’ambito della gestione di applicazioni e servizi per la Pubblica Amministrazione”.

“La sicurezza informatica – afferma Enrico Cereda, amministratore delegato di IBM Italia – gioca un ruolo strategico nella difesa degli interessi del Paese e nei suoi processi di trasformazione digitale. Per questo anche noi siamo particolarmente fieri di poter aiutare la Pubblica Amministrazione in questo ambito”.

Per Alberto Calcagno, Ad di Fastweb, “grazie a questo contratto la Pubblica Amministrazione potrà dotarsi di fondamentali servizi di sicurezza digitale. Fastweb mette a disposizione della Pubblica Amministrazione le competenze del suo Security Operation Center, che ha maturato una notevole esperienza nella realizzazione di servizi di protezione delle reti, e il suo Data Center di ultima generazione, dotato dei massimi standard di sicurezza e continuità in Italia e interconnesso con la nostra rete in fibra. Attraverso questo contratto, Fastweb amplia la gamma dei servizi che già garantisce a enti, asl e amministrazioni”.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

L’aggiudicazione, si legge in una nota dell’azienda, si riferisce al Lotto 2 dell’accordo quadro, suddiviso in 4 Lotti, relativo ai servizi di cloud computing, di sicurezza, di realizzazione di portali e servizi online e di cooperazione applicativa per le Pubbliche Amministrazioni (PA). La fornitura del Lotto 2 è relativa ai “Servizi di identità digitale e sicurezza applicativa”, suddivisi in due blocchi di attività.

Nel dettaglio, un blocco consta di servizi per la prevenzione e gestione degli incidenti informatici e per l’analisi delle vulnerabilità delle componenti hardware e software dei sistemi informativi della PA, applicabili sia agli ambienti cloud centralizzati e condivisi che alle singole amministrazioni. Un secondo blocco prevede un’ampia serie di servizi e strumenti a supporto della gestione delle identità digitali per la PA, inclusi firma e timbro elettronico per convalida, conservazione, garanzia di conformità e validità legale dei documenti elettronici e da copia digitale.

I servizi potranno essere erogati centralmente oppure nelle sedi delle amministrazioni che li sottoscriveranno sulla base della tipologia del servizio e delle scelte delle diverse PA – conclude il comunicato – L’accordo costituisce un passo rilevante verso la standardizzazione ed armonizzazione della sicurezza digitale nella PA, condizione necessaria per offrire livelli di sicurezza omogenei e migliorare la protezione dei dati dei cittadini.