Deliveroo, transazioni a +64%. Tutto pronto per il debutto in Borsa - CorCom

FOOD DELIVERY

Deliveroo, transazioni a +64%. Tutto pronto per il debutto in Borsa

Sospinta da una forte performance finanziaria nell’anno del Covid, la società britannica di consegne cibo a domicilio dà il via a un’Ipo storica, probabilmente la più grande degli ultimi sette anni, sulla piazza di Londra

08 Mar 2021

Veronica Balocco

L’anno del Covid si è rivelato fruttuoso per Deliveroo, la società britannica di consegna cibi a domicilio. Secondo i dati diffusi dall’azienda, il 2020, nonostante si sia chiuso in perdita, ha visto un aumento del 64% del valore lordo delle transazioni (l’importo totale delle transazioni che gestisce sulla sua piattaforma), passate da 2,5 miliardi di sterline nel 2019 a 4,1 miliardi di sterline. Sulla base di questa spinta, la società ha formalmente annunciato oggi il suo prossimo ingresso alla Borsa di Londra, aprendo le porte a quella che potrebbe essere la più grande quotazione londinese in più di sette anni.

Utile lordo in crescita dell’89,5%

Deliveroo ha dimostrato di poter gestire la redditività su larga scala nel 2020, essendo stata redditizia su base Ebitda Adjusted (rettificato) per oltre due trimestri. Inoltre, l’utile lordo sottostante è aumentato dell’89,5% a 358 milioni di sterline rispetto ai 189 milioni di sterline dell’anno precedente. Come risultato di questa forte performance, Deliveroo ha ridotto le perdite dell’anno a 223,7 milioni di sterline, rispetto ai 317 milioni di sterline del 2019. In questo quadro, l’azienda afferma in una nota di volere rimanere concentrata sugli “investimenti per generare crescita nel nascente mercato dell’online food market”.
In una lettera introduttiva alla Eitf dell’azienda, il fondatore e Ceo di Deliveroo, Will Shu, sottolinea che “oggi Deliveroo è molto più grande di quanto avrei mai pensato. Eppure, crediamo veramente che siamo ancora all’inizio. Le nostre ambizioni sono aumentate man mano che abbiamo veramente iniziato a comprendere e sfruttare l’opportunità che abbiamo di fronte, nel settore del cibo online”.

WHITEPAPER
Formazione digitale: come concili qualità e flessibilità?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Ipo a oltre 7 miliardi di dollari, ultimo di un elenco frenetico

Si prevede che l’offerta pubblica iniziale (Ipo) valuterà Deliveroo a oltre 7 miliardi di dollari, sulla base di un round di finanziamento privato di 180 milioni di dollari completato a gennaio con finanziatori tra cui l’azionista di minoranza Amazon. Ciò la renderebbe la più grande Ipo di Londra per capitalizzazione di mercato dall’Ipo Royal Mail del 2013.
L’annuncio è l’ultimo di un inizio frenetico della stagione delle Ipo di Londra, con il marchio di calzature Dr.Martens e il rivenditore di biglietti di auguri Moonpig che hanno completato accordi di alto profilo all’inizio di quest’anno e la piattaforma di recensioni online Trustpilot pronto a fare anch’essa il passo.

La chiusura dei ristoranti, ad eccezione dei servizi di asporto e consegna durante la pandemia, ha alimentato un’impennata negli affari di Deliveroo e il fondatore Will Shu crede che il cambiamento durerà.

Prevista (per ora) una quotazione “standard”

La società ha confermato che intende utilizzare una struttura azionaria a doppia classe che darà al fondatore Shu un maggiore controllo sulla società. Ciò significa che avrà una quotazione “standard” all’ingresso nella Borsa di Londra, piuttosto che una quotazione premium, escludendola dagli indici Ftse.
Tuttavia, questo potrebbe cambiare se le raccomandazioni formulate in una recente revisione delle regole di quotazione dall’ex Commissario dell’Ue Jonathan Hill fossero attuate. “Le modifiche che abbiamo consigliato renderebbero facile per più aziende seguire l’esempio di Deliveroo, inviando un chiaro messaggio che Londra è aperta al business”, ha spiegato Hill.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3