Deloitte scommette sull'Intelligenza artificiale, via a un piano da 100 assunzioni - CorCom

LAVORO

Deloitte scommette sull’Intelligenza artificiale, via a un piano da 100 assunzioni

Obiettivo il rafforzamento dell’offerta di strumenti per processamento, comprensione e generazione di linguaggio naturale. Focus su neolaureati in discipline Stem e risorse con esperienza in financial services, consumer, energy & utilities, telco&media

04 Mar 2021

L. O.

Dai neolaureati in discipline Stem a risorse con esperienza nell’applicazione dell’Intelligenza artificiale sulle diverse industry. Sono questi i profili su cui si concentra il focus di Deloitte che annuncia un programma di assunzioni in due anni per rafforzare la propria strategie sul fronte Intelligenza artificiale. Previsto l’incremento di 100 unità del personale impiegato, “per raggiungere – fa sapere l’azienda – un importante aumento dell’offerta sui servizi in quest’ambito e mettere a disposizione del mercato i benefici che l’Intelligenza artificiale può apportare”.

Quali sono le figure ricercate

Le risorse ricercate saranno di diversi tipi: si va da neolaureati con l’ambizione di sviluppare profonde competenze su tecniche e strumenti di Advanced Analytics, Machine Learning & Deep Learing, a persone con esperienza maturata nell’applicazione della AI su Financial Services, Consumer, Energy & Utilities, Telco&Media, Public Sector. La conoscenza del business delle aziende e del modo in cui l’intelligenza artificiale può portare benefici restano elementi distintivi nel processo di selezione.

WEBINAR
13 Dicembre 2021 - 17:00
Mariano Corso su Diversity e Inclusione nelle aziende e nelle PA
Digital Transformation
Open Innovation

Il programma è partito con l’ingresso di 4 elementi di spicco nel Team AI, Cognitive & Advanced Analytics di Deloitte, di cui 3 provenienti dal leadership team italiano di Harman Internationl, la società di Samsung focalizzata sull’innovazione guidata dall’AI. Si tratta di Federico Neri, Director, esperto di psico-linguistica e di tecniche di elaborazione del linguaggio naturale, Marco Caridi, manager, esperto nel campo dell’interazione uomo-macchina, Tommaso Petrolito, Senior Consultant, esperto in Linguistica Computazionale.

Strumenti a disposizione delle industry

I 3 nuovi ingressi contribuiranno allo sviluppo di innovativi servizi di “ascolto” supportati dall’AI e dell’offerta di mercato sui temi di processamento, compensione e generazione di linguaggio naturale. In questo modo le aziende, fa sapere Deloitte, “avranno la possibilità di migliorare la propria comprensione del mercato, dei propri clienti e anche dei propri dipendenti, attraverso l’analisi dei contenuti e delle interazioni su diversi canali”.

Contemporaneamente al team, è entrato a far parte del network Deloitte Maurizio Di Noia, Partner, ex global leader AI&Analytics di Campari, con una lunga esperienza internazionale maturata nel mercato Consumer.

“Abbiamo acquisito nuove risorse altamente qualificate – dice Alfredo Maria Garibaldi, Analytics & Cognitive leader di Deloitte – per aumentare ulteriormente la qualità, la gamma, la sostanza e il valore della nostra offerta AI al mercato”.

Più alleanze con i player del cloud

Deloitte opera nel settore dell’AI concentrandosi su tematiche di Conversational AI, Sales Forecasting, business process optimization, IOT analytics, Customer Analytics. L’obiettivo è allargare il range di offerta su ciascuno di questi settori per mettere a disposizione della comunità i benefici che l’AI può apportare nelle aziende, migliorando la qualità del lavoro del personale.

Oltre allo sviluppo di asset AI proprietari, Deloitte sta stringendo alleanze con i maggiori player del mercato Cloud, con vendor più specialistici e con Data Provider, per ampliare il ventaglio di analisi sui dati che l’intero ecosistema di mercato ha a disposizione.

“Puntiamo sull’Intelligenza Artificiale e sulle sue interrelazioni con la Strategia – dice Carlo Murolo, responsabile del Portfolio di offerta Strategy & Analytics – perché crediamo fermamente rappresenti una delle leve per far evolvere i modelli di business ed operativi delle società, supportando processi decisionali sempre più efficienti e fact based”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA