SCENARI

Digital content, a che punto è il mercato italiano?

A Milano il 30 maggio appuntamento con la prima edizione di Iab Showcase, evento B2B che riunisce in un live show protagonisti ed esperti del digital content. Sergio Amati: “È un mondo enorme dove le aziende sanno che devono investire, ma a cui serve formazione per farlo correttamente”

Pubblicato il 25 Mag 2023

Online,Curation,Media,Concept.,Electronic,Newspaper.,Young,Woman,Holding,Laptop

I consumatori sono sempre più propensi a fruire di contenuti digitali d’informazione e intrattenimento: basti pensare che hanno speso 3,3 miliardi di euro solo nel 2022, con una crescita del 12% rispetto al 2021. Lo certificano i dati dell’Osservatorio Digital Content del Politecnico di Milano.

Questo avviene in un contesto digitale italiano in cui, secondo il report di Reply nell’ambito dell’Osservatorio Fcp-Assointernet, si registra una sensibile crescita degli investimenti pubblicitari nel primo trimestre (11,9%) – il 13,6% nel solo mese di marzo. I consumatori fruiscono per il 14,3% in più dei contenuti sponsorizzati tramite browsing, prediligendo per il +17% il desktop-tablet a +17% e il +8,9% gli smartphone.

Il mercato italiano dei digital content

Il rapporto del Politecnico segnala una crescita del mercato paid, che ha portato a un valore di spesa più che raddoppiato nel giro di 5 anni. Un’indagine di Bva Doxa afferma che il 45% degli utenti del web fruisce di contenuti a pagamento, sia in abbonamento che tramite acquisti singoli.

Inoltre, in media è sceso il numero di utenti dei contenuti digitali, ma è salito il tempo medio a essi dedicato dai consumatori più fedeli, soprattutto per video, podcast, e-book e audiolibri.

Il settore del digital content in cui si spende di più risulta essere il gaming, seguito dal video entertainment. Quest’ultimo, tuttavia, è quello che cresce a ritmo più elevato: +33% dal 2021, per una spesa superiore a 1,3 miliardi. A livello di piattaforme video domina nettamente il modello svod (subscription video on demand, ossia l’abbonamento a piattaforme), rispetto allo tvod (transactional video on demand), ossia il noleggio o acquisto di singoli contenuti.

Il gaming, invece, catalizza quasi metà della spesa dei consumatori (oltre 1,5 miliardi), ma è in flessione dell’1%. Pesano la conclusione della pandemia, la crisi dei semiconduttori e la mancata regolamentazione degli eSport.

A Milano il 30 maggio va in scena Iab Showcase

Per mettere in contatto domanda e offerta di contenuti digitali è nato Iab Showcase, l’evento B2B organizzato dal chapter italiano dell’Interactive Advertising Bureau. All’evento, in programma a Milano per tutta la giornata del 30 maggio 2023, dalle 9.00 alle 19.00, saranno presenti i produttori di contenuti digitali, oltre alle piattaforme che li ospitano.

Sergio Amati, direttore generale di Iab Italia, spiega: “È un mercato in grande crescita dove le aziende sanno che devono investire, ma a cui serve formazione per farlo. Ispirato agli ‘Iab Newfronts’, che in America sono l’appuntamento di riferimento per la industry da ormai dieci anni, Iab Showcase è una novità assoluta per il panorama italiano e siamo fiduciosi che a questa prima edizione ne seguiranno di altre. Abbiamo deciso di dare a questo format uno stile di impronta italiana, all’interno di una location di grande charme”.

Coniugare intrattenimento e formazione

Iab Showcase si terrà presso l’hotel Magna Pars Italia, situato nel cuore del design district milanese, in via Tortona 15. Si tratta di una struttura con ampi spazi, vivibili a 360°: oltre alla sala che accoglierà il main stage, anche ambienti che saranno dedicati a meet&greet con aziende e talent, business meeting, eventi di networking, e un party finale.

“Non possiamo e non vogliamo parlare di intrattenimento senza essere divertenti a nostra volta”, sottolinea Amati. Infatti, i partecipanti a Iab Showcase non assisteranno a una lunga sequenza di presentazioni commerciali, ma a un live show vero e proprio. Oltre a Iab Italia, ci saranno Sensemakers e Kantar che forniranno importanti aggiornamenti e insight sul mercato dei contenuti, mentre i responsabili dei centri media racconteranno perché occorre investire nei digital content. Saranno presenti anche società che gestiscono i talent dei contenuti, che faranno conoscere dal vivo la loro offerta. Ad avere già confermato la propria presenza Amazon Ads, CairoRcs Media, Forbes, Youtube, Paramount, Mondadori Media, Pluto TV, Hearst Digital SA, Ciaopeople e SKY.

Perché partecipare a Iab Showcase

“Iab Showcase non è la solita conferenza sui digital content, ma un vero e proprio marketplace per far incontrare domanda e offerta. Gli investitori possono trovare in un unico luogo una grande quantità di informazioni e prendere contatto direttamente con i produttori di contenuti digitali”, chiarisce il direttore generale dell’associazione.

“È un modo diverso di condividere e informare, in maniera coinvolgente ed efficace. Il tutto con una grande enfasi sulla qualità dei relatori, che saranno coordinati dalla conduttrice Rebecca Staffelli”, conclude Amati.

Iab Showcase è un evento su invito riservato a brand e agenzie, in particolare a investitori pubblicitari e centri media. Questi ultimi a loro volta inviteranno i loro clienti. L’invito può essere richiesto direttamente sul sito dedicato.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4