SCENARI

Digital transformation, scatta la fase due: aziende alla prova produttività

Secondo il Research Board di Gartner, dopo la forte attenzione all’implementazione di nuove tecnologie bisognerà ora concentrarsi su come innescare la crescita economica. Sarà il momento della raccolta del valore dopo i consistenti investimenti in IT degli ultimi tempi

22 Ago 2022

Veronica Balocco

digital-transformation-160511154849

Tutto è pronto per l’avvio di una nuova era della produttività digitale. Lo afferma il Gartner research board, spiegando che la digital transformation ha comportato una crescente importanza delle tecnologie nei settori più tradizionali, ma la prossima fase sarà differente e darà minore importanza alle tecnologie digitali. “Tuttavia – chiarisce Gartner – non si tratta di un segno del declino del digitale, ma piuttosto di un prerequisito affinché le tecnologie digitali diventino un motore sostenibile di prosperità economica“.

Durante questa nuova era, in particolare, “l’hype digitale si placherà – aggiunge la società nella sua analisi -, la speculazione si ritirerà e il capitale finanziario sarà riallineato al capitale di produzione, ovvero il vero patrimonio che crea prodotti e servizi, al quale spetterà il compito  di mettere la nuova tecnologia digitale in opera”.

I quattro segnali della trasformazione

Gli esperti del Gartner research board hanno identificato quattro segni principali che annunciano questa nuova era. 

Le tecnologie digitali diventano onnipresenti, ma passano in secondo piano. Man mano che le reti digitali, la connettività “sempre attiva” e i dispositivi intelligenti diventano onnipresenti e comuni, l’informatica passerà semplicemente in secondo piano, diventando discreta come il termostato o l’interruttore della luce. La tecnologia onnipresente solleverà comunque questioni critiche per le grandi imprese: ad esempio, quando la tecnologia digitale è allo stesso tempo “ovunque” e meno importante, l’importanza del patrimonio It diminuirà? In che modo le aziende associate potranno servire al meglio i clienti che non tollereranno più il malfunzionamento o la latenza della tecnologia? 

WHITEPAPER
I 4 consigli da seguire per riuscire nella trasformazione digitale
Digital Transformation

Il business digitale si diffonde, ma diventa anche insignificante. Man mano che la tecnologia digitale diventa incorporata nel modo in cui operano tutte le parti dell’azienda, il “digitale” cesserà di essere un utile abilitatore. Piuttosto che “diventare aziende tecnologiche”, le aziende di successo hanno innestato le tecnologie digitali nelle attività tradizionali. Con il passare del tempo, la tecnologia digitale diventerà solo un’altra dimensione su cui le aziende competono, come reti di distribuzione, beni capitali, diritti di esplorazione, relazioni con i clienti, contenuti e così via.

Le Big tech sono regolamentate, ma finiscono per essere superati. L’era digitale è stata dominata da poche aziende. Nel gennaio 2022, cinque società tecnologiche valevano complessivamente quasi 10 trilioni di dollari. Questo è quasi un quarto della capitalizzazione di mercato combinata di 41,8 trilioni di dollari dell’intero S&P 500. Ci sono crescenti richieste di una qualche forma di azione antitrust contro una o più di queste società. E mentre i regolatori esitano su come frenare il potere di mercato delle Big tech, questi superpoteri di internet potrebbero essere annullati dalla concorrenza. Man mano che il mercato della tecnologia diventerà più frammentato e verticalizzato, la conoscenza del proprio contesto diventa sempre più fondamentale per il successo e le aziende che combineranno al meglio l’esperienza tecnologica con questa consapevolezza trarranno importanti vantaggi.

Il rischio tecnologico aumenta, ma le organizzazioni si concentrano nuovamente sulla resilienza. Man mano che le tecnologie digitali diventano più radicate nelle operazioni aziendali e governative, nelle infrastrutture e nella vita quotidiana delle persone, i rischi aumentano e la gestione dei rischi aziendali diventerà più complessa che mai. L’attenzione all’ottimizzazione e all’efficienza, sia all’interno delle aziende che tra di esse, ha portato a un’estrema interdipendenza economica globale, il che, nonostante i suoi meriti, significa che un singolo evento avverso può causare profondi shock altrove. Tuttavia, le reti digitali possono essere ottimizzate sia per la resilienza sia per l’efficienza. La resilienza – la capacità di sopravvivere a uno shock, riprendersi e crescere rapidamente in seguito – è una fonte di notevole vantaggio competitivo in un mondo radicalmente incerto.

Verso un’era di investimenti in risorse produttive

“Mentre il clamore intorno alla digitalizzazione svanisce e le strategie guidate dalla paura dell’interruzione digitale diminuiscono, inizieremo a vedere decisioni aziendali migliori che porteranno a investimenti reali in risorse produttive, guadagni di produttività, crescita del Pil e miglioramenti del tenore di vita in tutto il mondo”, commenta Ed Gung del Gartner research board .

“In altre parole, dopo la trasformazione digitale arriverà un momento di raccolta del valore, un’era in cui le organizzazioni raccoglieranno i vantaggi in termini di produttività degli ardui cambiamenti che hanno apportato alle loro attività”, aggiunge  Gung. “Tuttavia, la parola digitale perderà il significato talismanico che ha avuto per gran parte degli ultimi due decenni. Le aspettative cambieranno e sorgeranno nuove sfide per i leader tecnologici”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4