E-fattura, via al tavolo Garante Privacy-Agenzia delle Entrate - CorCom

LA COLLABORAZIONE

E-fattura, via al tavolo Garante Privacy-Agenzia delle Entrate

Focus sulla protezione dei dati e sulla rilevazione di eventuali falle nel sistema che possano mettere a rischio le info. Dl Fiscale: governo pronto a moratoria delle sanzioni fino a settembre 2019

21 Nov 2018

Via al tavolo congiunto Garante PrivacyAgenzia delle Entrate sulla e-fattura. L’annuncio lo ha dato il sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa, al question time in commissione Finanze alla Camera rispondendo a una interrogazione sulla fatturazione elettronica. Come anticipato da CorCom il tavolo è stato chiesto dall’Autorità per rilevare eventuali falle nella tutela dei dati nelle procedure di fatturazione elettronica e – come spiegato da Villarosa – trovare “soluzioni idonee a garantire il rispetto della privacy”.

Villarosa ha rassicurato sul fatto che”tutte le modalità disponibili per la ricezione e per il successivo inoltro delle fatturae elettroniche e delle relative ricevute rispettano i più aggiornati protocolli di sicurezza, in termini di autenticazione del trasmittente, riservatezza e disponibilità”. I dati “sono crittografati, e la consultazione sicura degli archivi informatici dell’Agenzia è garantita da misure che prevedono un sistema di profilazione, identificazione, autenticazione dei soggetti abilitati alla consultazione, di tracciatura degli accessi” “con indicazione dei tempi e della tipologia delle operazioni svolte, nonché di conservazione di copie di sicurezza”.

Intanto al Senato, in commissione Finanze, si sta votando il dl Fiscale. Sul fronte e-fattura il governo è intenzionato ad accogliere le proposte di modifica per garantire un debutto ancora più soft dell’obbligo che scatterà a gennaio 2019.

Le modifiche al voto prevedono la proroga fino al 30 settembre 2019 – il testo originario del dl Fiscale stabiliva il 30 giugno –  per l’applicazione delle mini-sanzioni (esclusione per chi emette il documento entro la liquidazione di periodo e riduzione al 20% per chi lo fa entro la liquidazione successiva). Il tutto attraverso una riformolazione di emendamenti di maggioranza e opposizione che puntavano ad allargare la moratoria a tutto il 2019, come chiesto tra gli altri anche dai commercialisti.

WEBCAST
Come sviluppare una sicurezza personalizzata per le esigenze di ogni settore di attività?
Sicurezza

E’ stato accantonato invece l’emendamento, a firma del relatore Emiliano Fenu (M5s), sull’esonero della fatturazione elettronica per le società sportive dilettantistiche. Il testo è stato riformulato, prevedendo che potranno essere escluse dall’obbligo le società che non superano i 65mila euro di introiti dall’attività commerciali. Per coloro, invece, che superano il tetto la e-fattura dovrà essere eseguita dal cessionario o committente come sostituti d’imposta.

@RIPRODUZIONE RISERVATA