L'OSSERVATORIO POLIMI

E-commerce B2B: vale 468 miliardi, ma la digitalizzazione delle imprese è in stallo

Ancora bassa penetrazione: solo un ordine su cinque è scambiato online dalle imprese e permane la difficoltà a utilizzare gli strumenti in logica integrata. Mangiaracina: “A causa di differenti livelli di dotazione tecnologica, standard di filiera eterogenei e bisogni diversi da settore a settore, l’Italia non ha ancora raggiunto una piena maturità”

Pubblicato il 22 Giu 2023

Schermata 2023-06-22 alle 13.58.03

Cresce in Italia il valore dell’e-commerce B2B:  l’ammontare delle transazioni in cui gli ordini sono scambiati in formato digitale dalle imprese è oggi pari a 468 miliardi di euro, in aumento del 3% rispetto al 2021, con un’incidenza però ferma al 21% sul totale del transato B2B italiano. Per la prima volta dal 2015, l’incidenza rimane stabile rispetto all’anno precedente, suggerendo l’inizio di una fase di consolidamento degli investimenti realizzati durante la pandemia, quando diverse aziende hanno introdotto nuovi strumenti e canali digitali. Ma nonostante un livello di adozione mediamente alto delle tecnologie per le transazioni digitali (tra Edi, portali B2b e piattaforme B2b, marketplace B2b e siti propri B2b), la penetrazione dell’e-commerce B2B risulta ancora bassa, con appena un ordine su cinque scambiato tramite strumenti digitali.

Sono i risultati che emergono dalla ricerca dell’Osservatorio Digital B2B della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui l’Italia vanta un primato europeo nella fatturazione elettronica, avendo introdotto l’obbligo generalizzato, ma resta da completare l’ultimo tassello per la digitalizzazione completa del ciclo dell’ordine, quello della fase di consegna, che è ancora ferma al palo: oggi solamente il 34% delle imprese italiane emette documenti di trasporto digitali e solo una su quattro li riceve. Tra i processi amministrativo-contabili delle imprese, le attività interne sono le più digitalizzate, anche se il livello raggiunto non è ancora soddisfacente: il 65% delle imprese possiede un software gestionale Erp, il 60% certificati di firma informatica, il 53% software di conservazione digitale e sempre il 53% software per la gestione elettronica documentale. Ma a spingere verso il basso la digitalizzazione sono le pmi che registrano una diffusione di mediamente 24 punti percentuali in meno delle grandi imprese.

Un processo lento e complesso

“La digitalizzazione nel B2b è un processo lento e complesso: a causa di differenti livelli di dotazione tecnologica tra le imprese, standard di filiera eterogenei e bisogni diversi da settore a settore, l’Italia non ha ancora raggiunto una piena maturità digitale – spiega Riccardo Mangiaracina, responsabile scientifico dell’Osservatorio Digital B2B -. A livello normativo, dopo l’obbligo di fatturazione elettronica, gli enti governativi faticano a trovare un nuovo innesco per proseguire la trasformazione digitale. Le imprese che durante la pandemia avevano introdotto nuovi strumenti digitali ora hanno difficoltà a inserirli in una logica strategica e integrata. A questo punto, è fondamentale non fermarsi e tracciare un percorso di evoluzione sinergico tra istituzioni e imprese”.

WHITEPAPER
Trasforma i documenti digitali in alleati del business: ottieni più efficienza, sicurezza e conformi
Cybersecurity
Data protection

“Il paniere di tecnologie a disposizione delle imprese è sempre più ampio e con logiche sempre più vicine a quelle B2c, ma la penetrazione dell’e-commerce B2B è ancora troppo bassa – aggiunge Paola Olivares, direttrice dell’Osservatorio Digital B2b -. Il principale ostacolo alla digitalizzazione è spesso culturale: per permettere una maggiore diffusione del digitale nelle relazioni tra imprese, è importante coinvolgere le aziende, in particolare le pmi, in piani formativi per il top management che spingano verso una modifica strutturale della cultura aziendale”.

Le tecnologie dell’e-commerce B2B: l’Edi e i portali

Tra le diverse tecnologie che abilitano l’integrazione tra aziende, nel 2022 23.700 imprese italiane utilizzano l’Edi (Electronic data interchange, sistemi interscambio dati in formato elettronico strutturato attraverso un canale informatico che automatizza la gestione diretta dei documenti commerciali e amministrativi), il 13% in più rispetto al 2021, per 135 milioni di documenti scambiati (+2%), tra ordini, conferme d’ordine, avvisi di spedizione e fatture.

Il 17% delle imprese italiane possiede un portale B2b per connettersi con i propri partner di filiera e scambiare tutti i principali documenti del ciclo dell’ordine. Da semplici repository, questi portali stanno diventando dei veri e propri hub in cui far confluire tutti i documenti del ciclo esecutivo, indipendentemente dal canale su cui questi sono scambiati. L’11% delle imprese adotta piattaforme B2b, che permettono di integrare in maniera flessibile in un’unica interfaccia diversi moduli e servizi esterni (come suite di gestione documentale o collegamento con piattaforme di e-commerce esterne).

Il 6% delle imprese attivo sui marketplace B2B

Tra le tecnologie digitali per la vendita, invece, il 6% delle imprese utilizza marketplace B2b, che nel 2022 hanno aumentato del 33% il transato. Sono utilizzati principalmente per vendere prodotti, ma anche come vetrina dell’offerta. Il 18% delle imprese ha un sito proprio B2B su cui i clienti possono visionare o acquistare prodotti o servizi. Secondo l’Osservatorio esistono tre approcci per l’utilizzo di tecnologie di vendita in ambito B2b: gli “infanti”, con semplici vetrine o punti di raccolta di richieste d’ordine, attivati in situazioni di emergenza o di adeguamento all’offerta dei competitor; sul lato apposto gli “adulti”, con veri e propri hub di servizi in grado di coprire tutte le fasi del ciclo esecutivo, dall’emissione dell’ordine al relativo pagamento, integrando servizi avanzati di reportistica e visualizzazione dei prodotti tramite realtà virtuale; in fase intermedia gli “adolescenti”, consapevoli dell’importanza dei nuovi canali, ma ancora arretrati sul fronte organizzativo e tecnologico.

Documenti di trasporto digitali: solo il 34% li emette

Ad oggi solamente il 34% delle imprese italiane emette documenti di trasporto digitali e una su quattro li riceve. È possibile digitalizzare anche il Cmr, la lettera di vettura internazionale utilizzata a livello comunitario per il trasporto a titolo oneroso di merci su strada a mezzo di veicoli, ma attualmente lo fa solamente l’8% delle imprese italiane.

Le complessità da affrontare per digitalizzare il processo di consegna sono diverse: molti attori da allineare rispetto a standard e procedure, diverse fasi da tenere sotto controllo e molteplici documenti da gestire. Ma più il processo è digitalizzato, maggiori sono i livelli di efficienza ed efficacia raggiungibili: i vantaggi sono riduzione del tempo di ricerca e consultazione dei documenti (secondo l’80% degli operatori logistici, trasportatori e committenti), la possibilità di avere accesso alle informazioni in tempo reale (73%) e l’aumento della sostenibilità (60%). Servono però strumenti tecnologici adeguati, attenzione alla relazione con i traportatori e i partner di business (ad esempio fornendo ricompense per quelli più virtuosi), corsi di formazione per il personale e una comunicazione del cambiamento incentrata sui benefici. 

Firma informatica e conservazione digitale

Nella digitalizzazione dei processi interni, aumentano la diffusione delle firme informatiche, utilizzate ormai da quasi la metà delle imprese italiane per firmare contratti e fatture elettroniche. Sono oltre 29 milioni i certificati di firma attivi rilasciati ad aziende e privati, +0,4% rispetto al 2021 e +33% rispetto al pre-pandemia, e aumentano gli utilizzi effettivi (si contano 5,81 miliardi di firme nel 2022 contro le 4,82 del 2021). La firma informatica è uno dei servizi fiduciari normati in eIDAS insieme a sigilli elettronici, servizi di recapito certificato, time stamping e certificati di autenticazione (Tls) per siti web. La sinergia tra questi servizi è sempre più forte: si contano 225 fornitori qualificati di servizi fiduciari (Qtsp) in Europa, di cui 20 in Italia, terzo Paese dietro a Spagna (48 Qtsp) e Francia (29). 

La conservazione digitale di documenti informatici ha subito importanti modifiche a seguito delle nuove linee guida AgID applicabili dal 1°gennaio 2022, che prevedono per le imprese, tra le altre cose, la redazione di un manuale di conservazione e la nomina di un responsabile della conservazione. A maggio 2023, 62 soggetti sono iscritti al nuovo marketplace AgID (una vetrina dove PA e privati possono individuare i fornitori di servizi di conservazione), di cui il 90% provider di servizi, il 5% società inhouse regionali, il 3% regioni e il restante 2% consorzi. 

Fatturazione elettronica: il primato dell’Italia

L’Italia ha un primato in Europa con l’introduzione di un sistema di fatturazione elettronica generalizzata. Altri due Paesi dell’EU27, Francia e Polonia, si sono già mossi per introdurlo. Questi Paesi potranno mantenere il sistema attuale nelle transazioni domestiche, garantendo piena interoperabilità entro il 2028, secondo la proposta di Direttiva “Vat in the Digital Age”, che prevede l’introduzione a partire dal 2028 di un sistema di fatturazione elettronica obbligatorio per le transazioni intra-UE – preferito rispetto all’utilizzo di un sistema di reporting di dati, simile al nostro spesometro – utilizzando come unico formato quello europeo (Ubl e CII). I Paesi che non si sono ancora mossi nella direzione di un obbligo B2b (11 Paesi dell’EU27 hanno un obbligo totale B2g, 8 Paesi hanno un obbligo parziale B2g e 8 Paesi hanno una situazione di sostanziale volontarietà), invece, dovranno introdurre da subito il sistema unico europeo. Tale proposta, ancora in discussione, dovrà essere approvata all’unanimità da tutti gli Stati membri. Se la proposta passerà, sarà necessaria una modifica della Direttiva IVA per poter introdurre il sistema.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2