Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Effetto Whole Foods, Amazon chiude i pop-up store negli Usa

Dopo l’acquisizione della catena di supermercati bio con centinaia di punti vendita, cambia la strategia Amazon per lo shopping fisico: saranno chiusi i negozi-vetrina temporanei e potenziati invece i punti vendita Amazon Books e Amazon 4-star

07 Mar 2019

Patrizia Licata

giornalista

Amazon chiuderà i suoi 87 negozi pop-up negli Stati Uniti entro la fine di aprile. Lo riporta il Wall Street Journal. La strategia sui punti vendita fisici del colosso americano dell’e-commerce viene così tarata su nuove esigenze dopo l’acquisizione della catena Whole Foods e l’apertura dei negozi automatizzati Amazon Go.

I pop-up store di Amazon sono punti vendita temporanei collocati in zone centrali o nei pressi di grandi centri commerciali. Rappresentano una vetrina per i prodotti e servizi di punta e i nuovi lanci, come gli altoparlanti Echo e l’assistente virtuale Alexa. I pop-up store hanno ampiamente contribuito al marketing dell’offerta di Amazon per la smart home; sono stati pubblicizzati come negozi dove vedere e toccare con mano le novità del brand Amazon sempre beneficiando dei prezzi convenienti della piattaforma online.

L’acquisizione nel 2017 di Whole Foods, la più grande catena di supermercati bio al mondo con 400 punti vendita negli Usa, rende i pop-up store ridondanti. Anche l’inaugurazione, a fine 2018, degli Amazon Go, i negozi senza casse, ha contribuito a mandare in pensione i negozi pop-up.

Amazon ha chiarito che non si tratta di un abbandono della strategia brick-and-mortar ma di una ricalibratura: verranno aperti più negozi di libri e più “4-star store”, i negozi fisici che espongono e vendono gli articoli col rating più alto (4 o 5) degli utenti della piattaforma online di Jeff Bezos.

“Dopo aver svolto un’attenta analisi siamo arrivati alla decisione di chiudere il nostro programma sui negozi pop-up”, ha dichiarato un portavoce di Amazon all’agenzia di stampa Reuters. “Aumenteremo invece i punti vendita Amazon Books e Amazon 4-star, dove offriamo una customer experience più completa e una selezione più ampia”.

Amazon ha comprato Whole Foods nel 2017 per 13,7 miliardi di dollari. Inglobando la più grande catena di supermercati bio al mondo, il colosso di Jeff Bezos ha mirato dritto al business della distribuzione di prodotti alimentari a domicilio.

Gli Amazon Books attualmente attivi negli Stati Uiti sono 17, mentre gli Amazon Go sono sette; il primo è stato inaugurato a gennaio 2018 nella sede generale di Seattle. L’obiettivo dichiarato da Amazon è di arrivare a 3.000 supermercati automatizzati in tutto il mondo entro il 2021.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Alexa
A
amazon
E
ecommerce
S
Smart home

Articolo 1 di 4