Ericsson, il 5G fa decollare gli utili. Ekholm: "Premiato l'impegno in R&S" - CorCom

IL BILANCIO

Ericsson, il 5G fa decollare gli utili. Ekholm: “Premiato l’impegno in R&S”

Profitti a a 17,5 miliardi di corone contro i 2,2 miliardi di un anno prima. Il fatturato è cresciuto del 2% attestandosi sui 232 miliardi, più di quanto stimato dagli analisti . L’Ad: “Superati gli obiettivi”

29 Gen 2021

Veronica Balocco

La continua implementazione del 5G sospinge Ericsson verso performance sempre migliori: la società ha infatti annunciato un aumento dei profitti nel 2020, accompagnato dalla registrazione di una solida redditività durante la pandemia di Covid-19.

Il produttore svedese di apparecchiature per le tlc ha registrato un utile netto annuo di 17,5 miliardi di corone (1,7 miliardi di euro), contro i 2,2 miliardi di un anno prima, anno che era stato notevolmente appesantito da un accantonamento. In un anno il fatturato è cresciuto del 2%, a 232 miliardi, più di quanto previsto dagli analisti (229,6 miliardi attesi).
Le vendite nella regione del Nord America, dove Ericsson realizza circa un terzo del proprio fatturato, sono cresciute del 5% anno su anno. Il margine lordo (escluse le ristrutturazioni), indicatore preferito dal produttore di apparecchiature per misurare la propria redditività, ha raggiunto il 40,6%, con un incremento di 3,1 punti su un anno. Nel quarto trimestre l’utile è salito a 7,2 miliardi di corone e il fatturato a 69,6 miliardi.

“Oggi leader nel 5G con 79 reti operative”

“La pandemia ha fatto progredire rapidamente la digitalizzazione delle società, stiamo assistendo sempre più a segnali che Paesi e aziende vedono il 5G come una tecnologia chiave“, ha commentato l’amministratore delegato del gruppo svedese Borje Ekholm. “I nostri investimenti in ricerca e sviluppo – ha aggiunto – hanno continuato a guidare sia la leadership tecnologica sia l’efficienza dei costi, che hanno portato ad un aumento della quota di mercato e al miglioramento delle prestazioni finanziarie. Oggi siamo leader nel 5G con 127 contratti commerciali e 79 reti operative in tutto il mondo. Le vendite sono aumentate del 5% per l’intero anno. Il nostro margine operativo del 12,5% (5,0%) ha superato il nostro obiettivo per il 2020 e ha raggiunto la fascia obiettivo del Gruppo 2022 con due anni di anticipo”.

LIVE, 13 maggio
Il 5G alla prova dei fatti, quanto vale la partita italiana
Blockchain
CRM

“I fondamentali aziendali a lungo termine rimangono forti e continueremo a investire per rafforzare ulteriormente il nostro portafoglio e accrescere la nostra presenza globale – ha concluso – . Sebbene prevediamo un impatto negativo temporaneo durante il 2021 a causa dell’ammortamento dei beni immateriali, dell’aumento dei costi per l’espansione del mercato e degli investimenti per rafforzare la nostra attività a lungo termine, rimaniamo pienamente impegnati verso l’obiettivo a lungo termine dell’Ebita del 15-18%”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4