Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Facebook affila le armi, in vista 1.200 assunzioni

Droni, realtà virtuale, data center: sviluppo e applicazione di nuove tecnologie alla base della mega-campagna di reclutamento di personale. Si inasprisce l’offensiva a Google, Snapchat e le altri rivali del web

19 Gen 2015

Patrizia Licata

Facebook si prepara a una nuova consistente ondata di assunzioni: potrebbero essere 1.200 le persone che andranno ad aggiungersi allo staff attuale di oltre 8.000. E’ il segno, dicono gli osservatori americani, che il social network ha in cantiere una nuova importante offensiva hitech.

Il social network di Mark Zuckerberg, infatti, ha di recente messo a segno diverse acquisizioni e investito in società tecnologiche specializzate in mercati di nicchia ad alto potenziale di crescita, come la produzione di droni, la realtà virtuale e i data center, e ora Facebook vuole sostenere con nuovo personale il suo impegno su tanti fronti.

“Siamo un’azienda ambiziosa guidata da un ambizioso Ceo”, ha dichiarato Sheryl Sandberg, chief operating officer di Facebook. “I nostri utenti e i nostri affari crescono e vogliamo sostenere questa crescita con le giuste risorse”.

Facebook ha già 8.348 dipendenti a tempo pieno (dato del settembre 2014): nei prossimi mesi dovrebbe dunque arrivare a 9.500 impiegati, o forse anche vicino ai 10.000. Si tratta di un potenziamento del 14% circa dello staff che Reuters ha dedotto studiando la sezione “Lavora con noi” della pagina aziendale di Facebook.

Oculus Rift, produttore di cuffie per la realtà virtuale che Facebook ha acquisito l’anno scorso per 2 miliardi di dollari, è una delle aree chiave di crescita: qui Facebook cerca almeno 54 persone, tra cui manager per supervisionare la logistica, l’approvvigionamento e la pianificazione della supply chain globale, a dimostrazione, dicono gli analisti, che il prodotto si avvicina al lancio sul mercato. Atlas, la tecnologia per la pubblicità online che Facebook ha comprato nel 2013, è un’altra area in cui si concentreranno le assunzioni (almeno 20 posizioni ricercate).

“C’è una relazione diretta tra l’investimento di Facebook nelle persone e nelle infrastrutture, e la sua capacità di restare competitiva” di fronte a rivali come Google, Alibaba o Snapchat, commenta l’analista di Robert Baird & Co, Colin Sebastian.

Dalla realtà virtuale ai droni, dall’online advertising ai satelliti per la connessione Internet, le tante opportunità che Facebook insegue potrebbero far salire il fatturato annuale del social network a 30 miliardi di dollari in pochi anni, stima Arvind Bhatia, analista di Sterne, Agee & Leach.

Intanto Facebook si allarga anche a livello di sedi: l’azienda sta cercando nuovi uffici nel centro di Seattle per ospitare circa 2.000 persone, mentre nei quartieri generali di Menlo Park, California, sta costruendo una nuova struttura che ospiterà fino a 3.000 dipendenti.

Articolo 1 di 2