IL RIORGANIZZAZIONE

Finmeccanica stringe sulla “one company”, via alla scissione di Selex Es

L’Ad Mauro Moretti porta dentro la holding le attività dell’elettronica per la Difesa. Le manovre societarie si concluderanno nei prossimi mesi

13 Ago 2015

F.Me.

mauro-moretti-finmeccanica-140620143729

Moretti porta l’elettronica dentro Finmeccanica. Uno dei punti salienti della riorganizzazione, che porterà verso la One Company, annunciata dalla holding in occasione della presentazione dei dati semestrali è infatti la scissione della società di elettronica per la Difesa. “La scissione – scrive Milano Finanza, citando i documenti societari – prevede l’assegnazione a Finmeccanica del ramo d’azienda dedicato alle attività di studio, progettazione, produzione, realizzazione e commercializzazione di sistemi, soluzioni e servizi nei settori della sicurezza, difesa, spazio, tlc, informatica e infrastrutture civili complesse”.

Nello stato patrimoniale di Finmeccanica il trasferimento si tradurrà in un totale netto ricevuto di 882 milioni circa. “Per tale importo – si legge nel progetto di scissione parziale di Selex Es riportato da MF – si opererà una riduzione delle poste denominate capitale sociale per 346,4 milioni e delle riserve per un netto di 535,6 milioni di euro”. Il patrimonio netto residuo della società sarà di 197,7 milioni.

Il primo semestre dell’anno è stato positivo per Selex, grazie anche a un aumento degli ordini di circa 304 milioni rispetto all’analogo periodo del 2014. L’ebitda è salito di oltre il 50%, da 47 a 76 milioni grazie al recupero di redditività della Divisione Security and Information Systems.

Il passo successivo verso la One Company sarà il via libera della assemblee straordinarie. Le manovre societarie si concluderanno nei prossimi mesi e avranno efficacia – contabile e fiscale – con l’esercizio 2016.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
finmeccanica
M
Mauro Moretti
S
selex es