Frequenze, accordo bilaterale con Francia e Vaticano - CorCom

INTERFERENZE

Frequenze, accordo bilaterale con Francia e Vaticano

A conclusione i tavoli sui negoziati per l’utilizzo dello spettro radio. Italia un passo avanti verso la riorganizzazione dell’etere

26 Set 2017

Frequenze interferenti, l’Italia raggiunge un accordo con la Francia e la Città del Vaticano. Si tratta di un passo fondamentale per la riorganizzazione dello spettro radio italiano, anche in vista della maxi-operazione che interesserà il Paese per arrivare puntuale all’appuntamento del 2022 quando, come richiesto dall’Europa, dovranno essere state liberate le frequenze della banda 700 Mhz da destinare alle Tlc per il 5G.

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

L’accordo di oggi giunge al termine del lungo lavoro diplomatico effettuato dal Paese sotto la direzione del sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. L’Italia si allinea così agli altri Paesi europei, uscendo dallo stato di “illegalità” in cui versava a causa dell’utilizzo indebito di frequenze assegnate ad altri Paesi confinanti, secondo la conferenza di pianificazione di Ginevra 2006.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
francia
F
frequenze
V
vaticano