Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MIB2019 IPSOS

Google, Amazon e Whatsapp i brand più amati dagli italiani

Tim, Vodafone e Wind perdono posizioni rispetto al 2018. Facebook scende a causa delle vicende legate alla privacy. E anche Apple si piazza male. Forte balzo in avanti per Netflix e Huawei

03 Ott 2019

Google, Amazon e Whatsapp: sono questi i top “influencer” in Italia nella classifica 2019 Mib (Most Influential Brands) a firma di Ipsos, realizzata grazie alle opinioni di 4.550 italiani. (SCARICA QUI LA CLASSIFICA)

I 5 ASSI DELL’INNOVAZIONE

Trustworthy (fiducia, affidabilità), Engagement (coinvolgimento), Leading Edge (innovazione, capacità di far tendenza), Corporate Citizenship (impegno e ruolo sociale), Presence (presenza): questi i cinque fattori presi in esame da Ipsos per stabilire l’influenza di una brand. Rispetto al 2018 Amazon ha perso il primato, conquistato da BigG mentre Whatsapp resta salda in terza posizione. Perde smalto invece Facebook, che si piazza all’ottavo posto dal quinto di un anno fa. A pesare sul giudizio degli intervistati, sostengono gli analisti, il caso Cambridge Analytica ossia le questioni legate alla privacy dei dati degli utenti.

LE TELCO AL RIBASSO

Anche al quarto, quinto e sesto posto si piazzano i protagonisti del digitale, rispettivamente PayPal, Microsoft e YouTube. E per restare al mondo del tech eBay e Wikipedia occupano la 14ma e 15ma posizione. Apple si classifica “solo” 16ma perdendo ben 10 posizioni dalla sesta casella di un anno fa. Guadagna invece 10 posizioni – dal 29mo al 19mo posto – Netflix. E nove posizioni le scala Huawei che passa dal 36mo al 25mo posto. Perde invece smalto Tim che scende dal 22mo al 29mo posto appena davanti a Booking.com. E sul fronte telco perde 10 posizioni Vodafone che dal 30mo posto passa al 41mo. E anche Wind scende: dalla 40ma alla 47ma posizione. Molto lontana dal podio Instragram, 32ma classificata, praticamente in linea con il 32mo posto del 2018.

L’ENGAGEMENT FONDAMENTALE

Anche nel ranking MIB 2019 – si legge nella nota di sintesi di Ipsos – i fattori che più pesano nel far sì che un brand venga considerato influente dai consumatori sono la capacità dell’azienda di saper coinvolgere (30%), la sua propensione all’innovazione (27%) e la fiducia e il senso di affidabilità delle persone rispetto al brand (26%). Non stupisce quindi che nella top ten siano presenti ancora una volta tutti i big della digital economy e del tech.

“Per le marche è arrivato il tempo di agire. È il momento che si assumano la responsabilità di essere a tutti gli effetti attori e interlocutori sociali, culturali e politici. Emerge l’opportunità, la legittimazione e in un certo senso il dovere, di esporsi, di prendere posizione, di raccontare il proprio credo e i loro valori e di agire concretamente per lo sviluppo culturale e sociale della comunità”, spiega Andrea Fagnoni Chief Client Officer Ipsos.

E Nicola Neri, amministratore delegato di Ipsos in Italia evidenzia che “le aziende e i brand affiancano o sostituiscono istituzioni più canoniche assumendo dunque un ruolo economico, sociale e politico a volte centrale. E questo apre nuovi scenari di confronto e di dialogo con i consumatori, ma più in generale con la società, che in un certo senso oggi si “aspetta” questo genere di coinvolgimento e partecipazione da parte delle marche che ci accompagnano quotidianamente: agire per far cambiare le cose in un determinato ambito, essere parte attiva e proattiva del cambiamento.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5