Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ALLARME

Google play, la denuncia di Oxford: “Dati personali fuori controllo”

Secondo uno studio dell’università britannica le app gratuite dello store di BigG trasmetterebbero le informazioni sugli utenti – tramite i tracker – ad Alphabet e anche a società esterne

25 Ott 2018

A. S.

Allarme sulla gestione dei dati degli unteti di Google play: le informazioni personali su chi utilizza le app gratuite all’interno dello store verrebbero infatti trasmesse nella maggior parte dei casi ad Alphabet, la holding a cui fanno capo tutte le altre società del gruppo di Mountain view, ma spesso anche a società esterne. A denunciarlo in un recente studio è l’università di Oxford, che ha pubblicato la ricerca sul sito Arxiv, denunciando come la situazione sia “fuori controllo”.

Analizzando 959mila applicazioni presenti su Google Play in Uk e Nord America, i ricercatori hanno appurato che l’88,4% reindirizza i dati sensibili degli utenti, come età, sesso, posizione, device utilizzato e altre app presenti sul dispositivo alla holding Alphfabet. Nel 42,5 dei casi le stesse informazioni finiscono nelle mani di Facebook, Twitter (33,8%), Verizon (26,3%), Microsoft (22,7%) e Amazon (17,9).

Il metodo utilizzato per trasferire i dati, nella maggior parte dei casi, sarebbe secondo i ricercatori quello dei cosiddetti “tracker”, strumenti che sono in grado di carpire i dati personali e reindirizzarli.

I risultati della ricerca sono stati però contestati da Google, che secondo una posizione pubblicata dal Financial times non accetta la metodologia usata dai ricercatori e ribadisce la le regole interne all’azienda proibiscono un uso non trasparente delle informazioni sugli utenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5