Gpi si prende il 75% di Tesi Elettronica: si punta anche all'internazionalizzazione - CorCom

L'OPERAZIONE

Gpi si prende il 75% di Tesi Elettronica: si punta anche all’internazionalizzazione

I soci siglano la lettera di intenti che prevede il closing entro la fine di aprile, con opzioni di put e call sul restante 25%. Obiettivo: costruire sinergie tra realtà industriali di rilievo

04 Gen 2022

I soci di Tesi elettronica e sistemi informativi (la spagnola Aef Luxor group e le italiane Magica e Sorean), hanno sottoscritto la lettera di intenti di Gpi per l’acquisizione del 75% del capitale sociale di Tesi, con opzioni di put e call sul restante 25%. Lo comunica Gpi, società trentina quotata a Piazza Affari e attiva nel settore dei sistemi informativi e servizi per la sanità e il sociale.

La lettera di intenti, garantita da vincolo di esclusiva sino al 28 febbraio prossimo, prevede, all’esito positivo e soddisfacente della due diligence condotta da parte di Gpi, la firma dell’accordo definito vincolante e il closing indicativamente entro il 30 aprile 2022.  L’obiettivo di Gpi è “costruire sinergie tra realtà industriali di rilievo e di respiro internazionale per incrementare la capacità di innovazione e potenziare la presenza sui rispettivi mercati“.

Chiuso il 2020 con Ebitda oltre 9 milioni

Tesi group realizza sistemi informativi nel campo diagnostico, clinico, chirurgico e gestionale con particolare riferimento ai sistemi trasfusionali, alla diagnostica in vitro e per immagini e all’accoglienza. Il gruppo ha chiuso il 2020 con un valore della produzione che sfiora i 25 milioni di euro e un Ebitda superiore a 9 milioni.

WHITEPAPER
Supply chain: come gestire l'effetto frusta.
Digital Transformation

Le aree di affari di Tesi group sono di particolare interesse in quanto consentono al gruppo Gpi di completare l’offerta in due ambiti strategici per il mondo della sanità, ossia il Lis per la gestione informatizzata dei laboratori di analisi e di anatomia patologica e il Ris/Pacs per la gestione del worklfow e dell’imaging dei dipartimenti radiologici, clinici e chirurgici, nonché di rafforzare il posizionamento del gruppo nei settori software per le banche del sangue e per l’accoglienza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4