Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ibm, il super robot Watson trova casa all’Expo di Milano

Renzi ufficializzerà l’accordo con Big Blue durante la sua visita a Boston. Investimento da 150 milioni di euro e 600 posti di lavoro nella cornice del progetto “Human Technopole”

30 Mar 2016

A.S.

Ibm creerà a Milano, nell’area dell’Expo, la sua unità per sviluppare e distribuire in Europa applicazioni specifiche di Watson, il supercomputer reso celebre 5 anni fa dalla vittoria nel telequiz Jeopardy, continuamente sviluppato e oggi utilizzato soprattutto in medicina, per la diagnosi del cancro, e nella pubblica amministrazione. Un investimento da 150 milioni di dollari e 600 posti di lavoro che dovrebbe inquadrarsi nel progetto “Human Technopole” lanciato da Renzi a novembre. Ad anticipare la notizia è il Corriere della sera, presentando la trasferta negli Usa del presidente del Consiglio, iniziata ieri in Nevada, a Fallon, per la visita all’impianto geotermico Stillwater di Enel, che lo porterà nei prossimi giorni a Chicago, Boston e Washington.

In una parte dell’area lasciata libera da Expo Milano 2015, aveva annunciato Renzi a novembre, sorgerà un “centro di eccellenza per la genomica e i big data”, su cui il Governo ha deciso di investire 1 miliardo e mezzo di euro in 10 anni. Il premier aveva presentato l’Idea al Piccolo Teatro di Milano, sottolineando che l’Italia “può essere meglio della Germania”, e che Milano “può essere la locomotiva d’Europa”.

Dall’area che nel 2015 ha ospitato l’esposizione universale Renzi immagina che nascano “tanti fuochi che diano la scintilla della ripartenza” a cominciare dal progetto “Italia 2040”, che ha l’obiettivo di trasformare il Paese in un “leader mondiale delle tecnologie per la qualità della vita, con un centro a livello mondiale che affronti insieme il tema della genomica e dei big data applicati a cancro, nutrizione e tecnologie per la sostenibilità”, a cui lavoreranno più di 1.500 ricercatori.

Un progetto varato dall’Iit di Genova, presentato in 25 cartelle in inglese dal titolo provvisorio “Human technopole. Italy 2040”: un polo internazionale di ricerca e tecnologia applicata, dedicato all’alimentazione e a tutte le competenze che possono essere utili per l’allungamento e il benessere della vita. Per guidare il polo è stato scelto l’Iit, l’Istituto italiano di tecnologia, una fondazione di diritto privato finanziata dal governo, a capo del quale dal 2005 c’è Roberto Cingolani, fisico 53enne di fama mondiale. Ad affiancare l’Iit ci saranno anche l’Institute for international interchange di Torino, il cui presidente è un altro fisico, Mario Rasetti, 74 anni, tra i maggiori esperti di Big data, e la Edmund Mach Foundation di Trento, centro di eccellenza per la ricerca e la formazione in campo agricolo, alimentare e ambientale, guidata dall’agronomo 54enne Andrea Segré.

Tra le cinque aree di lavoro su cui si concentrerà l’attività del polo, quindi, uno riguarda la medicina di precisione, integrando la genomica e la Big data analysis per sconfiggere cancro e malattie neurodegenerative. Le altre quattro sono le tecnologie per il welfare e per fronteggiare l’invecchiamento; le tecnologie multidisciplinari per l’alimentazione, la nutrizione, l’agronomia; i materiali sostenibili, le nanotecnologie verdi, il confezionamento del cibo, ciclo dell’acqua e gestione dei rifiuti; e infine le soluzioni innovative per preservare e valorizzare il patrimonio culturale e artistico dell’Italia.

Sei i distretti che si prevede possano impegnare a regime circa 1.600 scienziati, con il contributo delle imprese interessate e l’obiettivo, tra gli altri, di dare vita a startup ad alta specializzazione: genomica; neurogenomica; nutrizione; modelli matematici e scienza dei dati; bioinformatica; impatto socioeconomico.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
ibm
M
matteo renzi
W
watson

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link