Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANALISI

Idc: i dati “grezzi” non servono a niente, è l’intelligence che conta

Le aziende dedicano solo il 20% del tempo alle attività di analisi e l’80% a quelle di raccolta e protezione. Ma nell’era della data driven economy è indispensabile ribaltare l’ordine dei fattori: “Solo così si può incrementare efficienza e produttività”

16 Mag 2019

L. O.

E’ la data intelligence a fare la differenza per il business di un’azienda data driven. Perché non basta gestire i dati: serve estrarne valore. Lo scenario al momento non è però fra i più favorevoli: alle attività analitiche le imprese dedicano solo il 20% del tempo, mentre l’80% viene impiegato in attività di raccolta, preparazione e protezione.

L’adozione di data intelligence – un mix di strumenti AI e machine learning – può invertire i due fattori “liberando” più tempo per la fase analitica. Lo sostiene Idc secondo cui trasformare il dato in valore richiede non solo le appropriate tecnologie, ma anche una visione delle opportunità che i dati possono offrire, il tutto inserito in un’architettura in grado di assicurare scalabilità, velocità, protezione e flessibilità.

“Per poter analizzare i dati e trasformarli in informazioni, poi in valore e quindi in leve competitive, è necessario sapere come conservarli – fa sapere Idc -, come mantenerli univoci e integri, come renderli catalogabili ed estraibili, integrabili e distribuibili. In questo senso la data intelligence consente di far avere il dato giusto alla persona giusta al momento giusto”.

In questo senso la data intelligence si configura come il nuovo strumento di valorizzazione dei dati. Perché riesce ad andare oltre la ricerca e la raccolta, creando un percorso di trasformazione dal dato “grezzo” in informazioni ad alto valore in grado di potenziare le revenue.

Nell’era della trasformazione digitale, quasi tutti i ruoli organizzativi utilizzano i dati per prendere decisioni informate nei processi aziendali di ogni giorno. Sfruttare la data intelligence per migliorare il ciclo di vita di gestione e analisi dei dati significa incrementare il livello di efficienza e produttività di molte figure aziendali. E anche un piccolo margine di miglioramento per ciascuna figura può portare a un sensibile aumento delle performance aziendali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
idc

Approfondimenti

B
big data
I
intelligenza artificiale
M
machine learning

Articolo 1 di 2