Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SPONSORED STORY

Il futuro delle risorse umane: è tempo di “human 4.0”

Dalla cyber security ai big data, Experis lancia il primo progetto di Open Innovation sul capitale umano. Luca Giovannini: “Portiamo nel campo delle competenze il paradigma di Industria 4.0, per rendere disponibili sul mercato le skill tecniche di cui c’è più carenza o che addirittura ancora non esistono”

30 Mar 2018

Con l’avvento dell’Industria 4.0 cambiano le esigenze delle aziende e i profili tecnici richiesti, che non sempre esistono nei numeri e nel valore. Uno degli esempi più immediati viene dall’ambito IT e digital dove aumenta il gap tra domanda e offerta di esperti.

Experis, la talent company di ManpowerGroup, ha lanciato la sua nuova sfida: identificare le competenze più adeguate per le necessità delle aziende attraverso un modello strategico di Open Innovation sul capitale umano, nato in risposta alla necessità di costruire i talenti in grado di supportare le aziende nella sfida dell’Industry 4.0, tutto questo grazie alla creazione di nuove ed uniche traiettorie formative dove ogni partner contribuisce in maniera attiva con docenze e workshop aziendali.

“Siamo partiti da nuovi paradigmi, nuovi modelli di business e approcci inconsueti” – ha affermato Luca Giovannini, Experis TECH&IT Operation Director – “Abbiamo voluto trasformare il paradigma da industry 4.0 a human 4.0, creando sul mercato quelle skills tecniche che mancano o addirittura che ancora non esistono”. In questa ricerca di competenze possono nascere partnership virtuose tra le aziende che cercano i talenti e soggetti come Experis, in grado di individuarli e formarli adeguatamente, perché non c’è tecnologia né innovazione senza un vero scouting di competenze.

In tal senso, l’Academy di Experis presenta nella sua proposta formativa molti Master di alta specializzazione, che affrontano i temi chiave dell’Industria 4.0. I prossimi in partenza sono focalizzati su tematiche attualissime: Cyber Security, Big Data Analytics, SW Architecture per formare i futuri esperti di sicurezza informatica, analytics e programmazione software.

Obiettivo iniettare competenze nel mercato in partnership con le aziende leader di riferimento. Ridisegnando i paradigmi della formazione, nelle classi di Experis Academy salgono in cattedra i responsabili tecnici di Microsoft, Hewlett Packard Enterprise, Oracle, Porini, Hitachi Systems CBT, Defensis che in questo modo partecipano al processo che consente la creazione del candidato perfetto.

“Nell’era dell’Intelligent World e della Digital Factory – spiega Tommaso Pozzi, Partner Porini, Chief Sales Officer – è sempre più cruciale per le aziende del nostro tessuto imprenditoriale poter fare riferimento ad un nucleo di competenza specializzate sui temi degli advanced analytics e del machine learning per non perdere le sfide di trasformazione che il mercato sta imponendo, obbligando i C-level a ripensare nel  breve e medio termine i propri business models”.

Per Claudia Angelelli, One Commercial Partner, Sr. Technical Lead di Microsoft «Questi corsi nascono per colmare il gap, formare nuove professionalità e al tempo stesso soddisfare la crescente richiesta delle aziende di professionisti».

Per candidarsi è possibile visitare il sito (www.experistech.it/academy-IT) o scrivere a academy.tech@it.experis.com ma solo i migliori entreranno in Academy. Lo start delle lezioni è previsto ad maggio 2018 presso il distretto dell’innovazione del Kilometro Rosso.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link